Usd-Yen, alla ricerca di una opportunità short.

Scritto il 18 Giugno, 2013 - 21:02 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1349 letture

Usd-Yen,  siamo in una fase di correzione del down trend; vediamo insieme dove trovare un possibile spunto in vendita.

Usd-Yen: il grafico giornaliero evidenzia ancora una maggior forza di Yen (anche se in correzione) con il prezzo che si trova al di sotto della media mobile e dell’area di resistenza 97.
L’obiettivo è quello di entrare nella tendenza ribassista di breve periodo di Usd-Yen ed il livello di prezzo più indicato per trovare uno dei miei segnali operativi short è proprio l’area di resistenza 96,50/97 , al possibile termine della correzione rialzista ed in concomitanza con l’arrivo della EMA21. Ovviamente laddove la debolezza del dollaro dovesse riprendere senza ulteriori rialzi, la rottura del livello 94 potrebbe accelerare la discesa verso la potenziale area target 91.
Una conferma della debolezza del cambio viene anche dal grafico settimanale, dato che il prezzo attuale di Usd-Yen è ubicato in una importante area di resistenza dinamica (EMA21) il cui mantenimento potrebbe spingere al ribasso la quotazione, anche ben al di sotto del livello target precedentemente evidenziato.UsdYen18

Finestra macroeconomica

Il calendario economico ci ha riservato oggi parecchi dati interessanti provenienti un pò da tutto il mondo! Dall’Australia abbiamo ricevuto il Minute della banca centrale in cui risulta evidente la disponibilità della stessa a procedere con ulteriori tagli nei tassi di interesse se ritenuto necessario.
Dal Giappone è stata comunicata una produzione industriale in aprile in diminuzione rispetto al dato precedente.
Dall’Inghilterra l’inflazione nel mese di maggio è cresciuta di uno 0,2% facendo attestare il dato annuale ad un +2,2%.
Positivo l’indice ZEW sulla fiducia delle imprese in Germania, superiore rispetto alle attese, che evidenzia una possibile crescita dell’economia tedesca nella seconda parte dell’anno.
Dagli Stati Uniti registriamo oggi il dato sull’inflazione (1,4% in linea con le previsioni) ma attendiamo soprattutto domani la notizia principale della settimana, ossia il meeting del Fomc e la decisione tassi di interesse (attesa invariata allo 0,25%) alla quale farà seguito la conferenza stampa e l’outlook economico del governatore Bernanke. Aprirà invece il calendario economico il Minute della Bank of England, interessante per conoscere i parere dei singoli membri del Board in merito alla continuazione del Quantitative Easing nel Regno Unito.

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.