Usd-Cad, possibile ribasso prima del trend di medio periodo?

Scritto il 18 Luglio, 2013 - 20:59 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1270 letture

Usd-Cad,  il cambio atlantico potrebbe proseguire la correzione di medio periodo prima di riprendere la salita verso nuovi massimi.

Usd-Cad: il cambio più lunatico del mercato sembra questa volta fornire un quadro leggermente più lineare rispetto al solito. Il grafico daily mostra infatti un movimento rialzista annuale (iniziato a settembre 2012) con il prezzo che si trova in questo momento in una fase di correzione. Il breve periodo è infatti ribassista con la violazione del livello statico 1,0440 e della media mobile avvenuto alcuni giorni fa. Usd-Cad nelle ultime tre sedute ha tentato un ritest del livello violato ma senza avere la sufficiente forza per rompere la EMA21. Il break out confermato dell’area 1,04 potrebbe accelerare la discesa verso il prossimo supporto in area 1,0270 dove arriva la trendline bullish.
usdcad18

Finestra macroeconomica

I mercati azionari hanno chiuso oggi una seduta particolarmente brillante con la conferma del sostegno all’economia europea giunta proprio oggi dalla Lituania da parte di Asmussen, consigliere esecutivo tedesco della BCE, secondo il quale l’istituto centrale è stato già sufficientemente chiaro in merito alla continuazione dell’attuale politica espansiva fino a quando sarà necessario.
Nella mattina abbiamo avuto il dato sulle vendite al dettaglio nel Regno Unito che è risultato superiore alle attese ma inferiore alla precedente rilevazione.
Dagli Stati Uniti, oltre alla presentazione del report di Bernanke anche al Senato, è stato comunicato il dato relativo alla richiesta di sussidi alla disoccupazione in netto miglioramento sia rispetto al dato precedente che a quello atteso.
Il Fondo Monetario Internazionale ha diffuso un report sulla situazione dell’economia cinese, invitando le autorità ad accelerare il processo di riforme economiche. Il sistema finanziario “ombra”, l’eccessivo debito degli enti locali e la possibile bolla immobiliare potrebbe creare a breve seri danni al sistema cinese (e non solo) che sta già vedendo una sensibile riduzione dei livelli produttivi ed una crescita dimezzata rispetto alle percentuali pre-crisi.
Domani, ultimo giorno della settimana, riceveremo il dato sull’inflazione canadese ed inizierà in Russia il G20 dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali (parleranno ancora di guerra valutaria?!)
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.