Temi caldi in borsa, vediamoli insieme

Scritto il 3 Novembre, 2016 - 6:41 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1287 letture
Tag

Temi caldi in borsa, vediamoli insieme. Tante news ed eventi stanno agitando le borse di tutte il mondo, quindi e bene fare un po di chiarezza.

_db888fc3_

-Trump, primo grande catalist del mercato.Il recente scandalo della Clinton:

Fonte: corriere della Sera:

Il 2 marzo 2015 il «New York Times» rivela che Hillary Clinton avrebbe utilizzato un indirizzo email personale ( hdr22@clintonemail.com) durante gli anni da segretario di Stato (2009-2013) . La notizia emerge in seguito alla richiesta del Congresso degli Stati Uniti di ottenere tutte le email degli anni del suo mandato nell’ambito di un’inchiesta sull’attacco terroristico del 2012 a Bengasi in cui perse la vita l’ambasciatore Chris Stevens.

Il Dipartimento chiede così a Hillary Clinton di consegnare i messaggi spediti o ricevuti dal suo indirizzo privato, ma lo staff dell’ex segretario ne consegna «solo» 30.490. Gli altri 31.830, bollati come «privati», erano stati già cancellati alla fine del mandato. L’Fbi apre allora un’inchiesta per verificare se l’ex segretario di Stato abbia in questo modo messo a rischio informazioni riservate e sensibili, minando la sicurezza nazionale. L’indagine viene chiusa nel luglio 2016: i federali ritengono che non ci siano elementi per avviare un’inchiesta formale contro Hillary Clinton da parte del Dipartimento di Stato. Tuttavia il capo dell’Fbi James Comey giudica come «estremamente superficiale» il comportamento dell’ex segretario di Stato. Sembrava tutto finito, ma il 28 ottobre, a 11 giorni dalle elezioni, Comey riferisce al Congresso che durante un’indagine su un altro caso — quello di Anthony Weiner, ex deputato e marito della collaboratrice di Hillary Huma Abedin —, l’Fbi avrebbe appreso dell’esistenza di email che sembrano pertinenti all’inchiesta sui server di Hillary Clinton, ma avverte: «non possiamo ancora dire se si tratti o meno di materiale rilevante, né prevedere quanto tempo sarà necessario per esaminarlo».

Dopo la ripresa dello scandalo,Trump non solo ha recuperato, ma è andato in testa nei sondaggi.Questa ho provocato com conseguenza diretta.la flessione dell’indice americano Sp500, il crollo del pesos messicano, che offre le idee politiche di Trump verso il Messico, aumento della forza dello Yen,crollo dei fondi High yield.
disegno-senza-titolo-21
– Renzi e la volontà da parte del governo di rimandare il Referndum. Tutto nasce quando il presidente del coniglio fa una affermazione molto grave: “se vince il no mi dimetto”.Questo legare il possibile esito del Referndum, alla stabilità di un premier, ha creato una forte instabilità dei mercati sia quelli azionari che obbligazionari.I Btp che sono crollati, i prezi ieri hanno provato a reagire su voci di possibile rinvio. Renzi farebbe bene a mettere da parte il suo ego e procedere al rinvio per il bene del paese.

pizap-com14750065971741
– Draghi, accerchiato dai tedeschi, che sono sempre stati contrari al Qe. Questa pressione ha cambiato il sentiment sul Qe e sul suo possibile futuro creando aspettative per gli investitori che il tapering sia molto vicino.Di fatto io credo che non sarà cosi, ossia a Dicembre diranno che da Marzo in poi continueranno gli acquisti, solo saranno più lievi e quindi il tutto rientrerà, ma intanto in un momento che doveva esser fantastico per svalutare la moneta, la Bce è riuscita a rovinare tutto. Quindi da qui a Dicembre ossia quando ci sarà la prossima riunione della Bce, potremo aver un euro molto forte. Se a questo ci sommiamo che il mercato ha digerito che a Dicembre avremo il primo rialzo dei tassi Usa. Ora inizia a sperare che non ve ne saranno altri e avremo un euro dollaro in recupero invece che affossarsi. Aspetto che avrebbe fatto molto bene all’Europa.

Quindi oggi, è sempre di più in futuro, le borse sono ormai in mani ad agenti esterni di natura politica, monetaria, che ormai devono essere considerati, perché sono diventati attori principali e non secondari com un tempo.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.