Tassi di cambio reali e nominali

Scritto il 20 Luglio, 2013 - 8:00 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
2491 letture
Tag

Tassi di cambio reali e nominali

Oltre la parità dei poteri d’acquisto: un modello generale di lungo periodo per i tassi di cambio.

A questo punto introduciamo un nuovo elemento, di fondamentale importanza: il tasso di cambio reale, ovvero una misura generale che riassume i prezzi di beni e servizi di un paese rispetto a quelli di un altro.

Rispetto al tasso di cambio nominale che abbiamo considerato fino ad ora, il tasso di cambio reale è essenzialmente il prezzo relativo di due monete, ed è espresso in termini di tasso di cambio nominale, per cui è necessario, per poter considerare tale tasso di cambio, che l’indice di prezzo di ogni paese possieda una buona rappresentazione degli acquisti che conducono i residenti a domandare la moneta offerta.

Bisogna altresì tener presente che il livello dei prezzi in un paese come ad esempio gli Stati Uniti darà un peso relativamente maggiore ai beni prodotti e consumati negli Stati Uniti così come ad esempio il livello dei prezzi europeo darà un peso maggiore ai beni consumati e prodotti in territorio europeo.

Dopo aver precisato il paniere di riferimento, è possibile definire formalmente il tasso di cambio reale tra due valute (USD/EUR) che indicheremo con QUSD/EUR:

===> QUSD/EUR = (EUSD/EUR * PUE) / PUSA

Due casi specifici :

Variazione della domanda internazionale relativa di prodotti USA:

  • Variazione positiva: un aumento della domanda relativa internazionale di prodotti USA causa un apprezzamento reale di lungo periodo del USD nei confronti dell’EUR (riduzione di QUSD/EUR)
  • Variazione negativa: una riduzione della domanda relativa internazionale di prodotti USA causa un deprezzamento reale di lungo periodo del USD nei confronti dell’EUR (incremento di QUSD/EUR)

Variazione dell’offerta relativa di beni

  • Un’espansione relativa alla produzione USA causa un deprezzamento reale di lungo periodo del USD nei confronti dell’EUR (incremento di QUSD/EUR)
  • Un’espansione relativa alla produzione UE causa un apprezzamento reale di lungo periodo del USD nei confronti dell’EUR (riduzione di QUSD/EUR)

 

tasso reale di cambio

clicca per ingrandire

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.