Spike/Doppi-Massimi, i modelli di prezzi e le principali conformazioni grafiche (3)

Scritto il 8 Maggio, 2013 - 1:30 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
3070 letture
Tag

Spike/Doppi-Massimi, si tratta di configurazioni candlestick molto interessanti che permettono operatività anche profittevoli e vantaggiose nell’attività di trading.

Si parla di spikes per indicare formazioni a V molto particolari, a seconda che si tratti di top o bottom sarà situata rispettivamente alla fine di un forte trend rialzista o ribassista; il Top Reversal è una figura che prevede un improvviso rialzo delle quotazioni fino al raggiungimento di un target rialzista. Immediatamente dopo il raggiungimento del target il prezzo cambia improvvisamente direzione riportando con la stessa velocità le quotazioni al valore iniziale. Il target di prezzo principale è di lunghezza pari al corpo della spike in direzione opposta, dopo la rottura del livello da cui prende forma tale configurazione:

spike top reversal

 

Per analogia il Bottom Reversal (figura più frequente rispetto al Top Reversal) è caratterizzato da una veloce discesa delle quotazioni fino al raggiungimento di un minimo relativo, prima di un improvviso cambio di trend. Anche in questo caso si assista ad una rapida esplosione dei volumi intermediati.

 

Doppio massimo e doppio minimo

Il doppio massimo è una figura composta da due massimi relativi intervallati da un ribasso temporaneo delle quotazioni; si presenta nella fase conclusiva di un trend rialzista ed è caratterizzata da una contrazione dei volumi durante la formazione del secondo massimo rispetto al primo.
Solitamente si tratta di un tipo di segnale sufficientemente attendibile che prelude con buona probabilità ad una successiva rottura a ribasso della linea di supporto formatasi nei ritracciamenti dei due massimi.

L’analisi volumetrica permette inoltre di distinguere eventuali false figure di doppio massimo che potrebbero generare falsi segnali di inversione.

Come per la maggior parte delle figure grafiche, l’uscita del prezzo dalla stessa (che avviene con la perforazione della linea che collega i due minimi relativi) è accompagnata da un notevole incremento degli scambi.

Come nel caso del Testa e Spalle, spesso dopo la rottura della linea è possibile assistere ad un ritorno delle quotazioni fino al test sulla suddetta linea (questo temporaneo rimbalzo è caratterizzato da volumi scarsi).

Il doppio minimo è la formazione grafica speculare alla precedente e prelude ad un cambiamento di trend a rialzo. Il target di prezzo coincide con l’ombra della configurazione proiettata in direzione opposta:

doppio massimo

___

Lorenzo Zardi

 

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.