Sistema Italia,nel 2014….

Scritto il 10 Dicembre, 2013 - 11:44 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2477 letture
Tag

Sistema Italia,nel 2014….Siamo alla fine dell’anno, tanti scrivono di tutto sul sistema Italia,cerchiamo di capire nella realtà con un occhio disinteressato quello che potrà accadere nel prossimo 2014.

sistema italia

sistema italia

Se penso al sistema mi viene in mente un grafico di borsa con trend ben definito,che si sta apprestando alla sua accellerazione finale.Questo può essere sia un bene che un male.

Il lato negativo, che tale situazione, lo vediamo con la nascita dei primi disordini sul territorio,sfocerà con la violenza, con la paura.Attenzione ad andare oltre,ogni movimento è sempre organizzato da un mente da una mano forte che ha degli interessi specifici,altrimenti migliaia di persone non si potrebbero svegliare e andare in piazza tutti insieme allegramente.Tenendo a mente questo fattore,quale è l’obiettivo? Semplice creare la paura e quindi una necessità di che cosa? Che si possa trovare una soluzione definitiva ai problemi dell’Italia.La mia sensazione che nel 2014 qualche manovra, qualche evento shock del governo ci sarà,lui agirà  come paladino della giustizia, per salvare gli italiani,in realtà lo farà semplicemnete per realizzare il suo piano,ossia depauperare ancor di più le tasche degli italiani,ivi compresi i loro risparmi e poi introdurre delle regolamentazioni e tassazioni più forti ancora, che durino nel tempo.

-Il lato positivo, io penso siamo vicini all’atto finale,ma che poi dalle macerie,dalla paura si possa tornare a costruire qualche cosa.Chiaro che non penso che lo sviluppo e il benessere torneranno a breve,ma probabilmente salteranno una generazione.Dobbiamo immaginarci il sistema Italia come dopo una guerra, perché di questo si sta parlando.

Per chi non lo avesse ancora capito,l’Italia sta facendo una politica di sud americanizzazione,ossia impoverimento della popolazione,riduzione al minimo dei servizi,della cultura,della qualità della vita,con l’obiettivo di avere un Italia fatta in prevalenza di gente con poche richieste.Importare tanta popolazione giovane in eta lavorativa, abituata ad ambienti di lavoro duri e con pochi diritti.

Solo in questo modo l’Italia in un futuro, potrà ritornare competitiva, senza investire neanche un euro,perché non se lo può permettere.Quindi non ci si deve lamentare dello Stato che sta facendo benissimo il suo lavoro non vi pare?

Non crediate che un cambio di un nome in politica possa cambiare qualche cosa,perché sono solo dei burattini pagati da soggetti terzi, per fare quello che loro non potrebbero.Pensate agli americani che anno votato Obama….guardateli oggi, attenagliati tra disoccupazione,sempre più senza sanità ecc…

Il mondo è grande, bisogna vivere in paesi che vogliono crescere,oggi vivere in Italia, e come vivere in un paese il cui stato ha un obiettivo differente rispetto al vostro,rifletteteci…

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.