Shutdown,il vero pericolo arriva ora

Scritto il 1 Ottobre, 2013 - 18:17 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1690 letture

Shutdown,il vero pericolo arriva ora.Cerchiamo di capire quale sia la reale situazione in Usa in realzione allo Shutdown e al prossimo sforamento del deficit americano del 17 Ottobre.

Shutdown

Shutdown

Premesso che quello che sta succedendo in Usa come in ,sono tutte delle situazioni ridicole,perché un paese maturo, il più grande paese del mondo, non può sempre arrivare all’ultimo giorno e anche oltre per provare degli accordi molto importanti a livello economico per l’intero paese,ma che possono influenzare la finanza mondiale,chiudiamo la parentesi del commento personale e torniamo ai mercati.

A mio avviso era scontato, che non si giungesse ad un accordo nella data prevista,il mercato se ne frega perché tanto sa che questo accordo ci sarà,ma se questo accordo tarda ad arrivare forse non molti lo sanno, lo stato americano perde 300 milioni al giorno di Pil al giorno.Il problema secondo me sta proprio qui, analizzando il sentiment del mercato, tutti comperano e ieri lo fatto anche io sull’idea che tanto l’acordo si troverà massimo un giorno o due in ritardo…ma se per esempio dovessimo andare avanti sino al 17 data in cui si sovrappone lo sforamento del debito pubblico..allora la situazione sarebbe più critica.

Io come sempre seguo i mercati,ma oggi mi sono fatto questa idea, che a breve il non accordo americano porterà Sp500 ad un grosso scivolone costringendo molti a vendere e li sarà il vero livello di acquisto long che probabilmente porterà Sp500 per Natale su nuovi massimi e questi potrebbero essere quelli storici.

Quindi la mia opinione che da qui al 17 di Ottobre vedremo un aumento inaspettato della volatilità, con forti discese per Sp500, starà alle nostre qualità di trader, individuare i giusti livelli per entrare long e goderci il nostro meritato regalo di Natale

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.