Sentiment di mercato, ecco che cosa vedo

Scritto il 15 Novembre, 2016 - 7:36 da Fabio Troglia

Sentiment di mercato, ecco che cosa vedo. Stiamo assistendo a una interessante scontro di forze sui mercati azionari, dopo le elezioni di Donald Trump.

dsc_2603_final_mini
Come sempre io cerco di darti una interpretazione alla luce di quello che vedo, cercando si eliminare quelli che possono essere i rumori di fondo di una serie di movimenti che in alcuni casi sembrano fortemente esagerati. Idea di base di tutto questa rotazione settoriale a cui stiamo assistendo in questi giorni, è legata alla politica espansiva che vorrebbe attuare Trump, dico vorrebbe, perché poi bisogna sempre verificare se ne avrà la possibilità, ma soprattutto il budget per poterlo fare. Vi ricordo che il governo americano ha sempre la necessità di approvare un budget di spesa e che in passato il caro Obama ha avuto grandi problemi nel suo ampliamento. Alla luce di questa politica, l’elemento certamente più rilevante che si è visto legato a un fortissimo irripidimento della cura dei tassi d’interesse con vendite enormi sui Treasury americani, e in Europa su tutti i titoli di debito europei, con un attenzione particolare ai Btp italiani.Ora sul mercato dei bonds abbiamo avuto delle vendite che ora sembrano davvero esagerate, su un piano politico ancora non iniziato, quindi sarebbe bene fare molta attenzione a essere short sul settore obbligazionario.

treasur

Attenzione invece al settore azionario, dove si vedono le prime grandi crepe. La prima che si nota è sul Nasdaq dove i Fang stanno crollano in maniera importante.Qui la situazione potrebbe assumere di toni drammatici in quanto le quotazioni di questi titoli seppur di grande qualità hanno raggiunto livelli di prezzi davvero molto elevati.Quindi in questi casi fare sell risulta molto più facile che in settori già molto colpiti. Sp500 e gli indici Industriali galleggiano ancora grazie alle banche ,ma siamo sicuri che un rialzo cosi forte non intaccherà anche loro, ma con problemi di credito per i clienti e con i primi problemi dei mutui….Sul settore azionario americano vedo moltissimi nubi nere e i primi fulmini ch sono arrivati sul settore tecnologico.

Sul campo delle valute abbiamo una caratteristica base ossia il forte rafforzamento del dollaro contro tutte le valute. Ma in maniera analoga a quello che sta accadendo per il settore dei bonds attenzione. Nel medio lungo termine, questo sarà un trend forte, nel breve è difficile pensare che questo movimento cosi dirompente possa continuare senza nessuna presa di benefico. Nel breve, lo noto sui mercati mi attendo un indebolimento dollaro, che certamente preso come solo una pausa di riflessione, ma vista la forte volatilità va preso in considerazione in ottica di trading o anche solo per delle presi di beneficio.

A livello settoriale come vi dicevo grande foga sul settore bancario, mentre super vendute tutte le utilities, siamo sicuri che sia coi reale questo movimento oppure si è solo voluto scaricare gli eccessi sul settore per poi caricare per l’assalto finale a fare nuovi massimi. Io nella mio portafoglio sulle forti discese tendo ad acquistare utilities non a venderle. Mi attendo che in un mercato fortemente ribassiste verranno ancora considerate un ancora di salvezza per il mercato. Se ci aggiungiamo poi che or il dividendo si fa ancora più ghiotto…

Attenzione quindi a capire con attenzione quali sono i movimenti, ma la lor intensità e investire solo in quelli che ci possono dimorare di essere davvero forti. Spesso i forti si nascondono dietro delle apparenze per venire fuori no nell’immediato.Ora simo quasi a una settimana dalle elezioni di Trump quindi fra poco vedremo i veri valori in campo quelli viti sini a oggi non sono a mio avvio completamente veri.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.