Saes Getters in pole per il 2016?

Scritto il 28 Dicembre, 2015 - 12:29 da Marco Benzoni
Pubblicato in
2325 letture
Tag

Saes Getters in pole per il 2016? Una azione su cui conviene investire? Oggi vediamo un analisi del titolo per conoscere meglio le sue potenzialità.

Saes getters

Saes getters

Fondamentali.

Il 2015, almeno fino a settembre e in attesa di verificare i dati dell’ultimo trimestre, ha evidenziato numeri di tutto rispetto per l’azienda:

  • Fatturato consolidato di 122 milioni, in crescita del 28% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso;
  • margine operativo lordo di 21,5 milioni, circa 6 milioni più del 2014;
  • utile netto consolidato di quasi 8 milioni in netto aumento rispetto ai soli 2,5 precedenti (più del triplo), destino che ha seguito anche l’utile netto per azione (da 0,10 a 0,35 euro per azione ordinaria)

In attesa dunque di vedere i risultati dei questi ultimi tre mesi le attese per il 2016 sono incoraggianti, nonostante i già ottimi risultati recenti e, dunque, questa condizione di prospettive favorevoli rende il titolo interessante per il prossimo anno o, comunque, in vantaggio rispetto alla maggior parte del listino se si considera non tanto le potenzialità di rivalutazione assolute ma, piuttosto, il rapporto rischio/rendimento nel medio termine.

Analisi tecnica.

Medio periodo: negli ultimissimi mesi i prezzi si sono mossi in un canale triangolare in fase di restringimento continuo e con gli indicatori dinamici di riferimento per il medio/lungo termine in appiattimento e in ricongiungimento; il MACD è stato respinto dalla linea dello zero per due volte consecutive e, di recente, l’incrocio positivo ha generato sufficiente spinta da portarlo a segnare valori più elevati rispetto agli ultimi tre/ quattro anni (grafico di riferimento: settimanale). In aggiunta, è evidente dal grafico stesso la rottura decisa e consolidata sopra la trend-line che determina proprio la parte superiore del triangolo di cui sopra con conseguente fuoriuscita dei valori di mercato da area 8,5/8,6 euro, break che ha permesso l’accelerazione ancora in atto.

saes getters settimanale

Lungo periodo: anche nello studio di lungo termine (grafico mensile) è evidente, seppure con aspetti grafici diversi, l’area di contenimento dei prezzi durante gli ultimi cinque/sei anni, più o meno compresa tra 6 euro e 8,50 euro; in diverse occasioni sia il valore superiore sia quello inferiore hanno svolto egregiamente il compito, rispettivamente, di resistenza e supporto di ampio respiro, ogni volta in grado di far ritracciare o rimbalzare il titolo verso l’estremo opposto. Tale situazione si è sbloccata di recente, come anticipato sopra, con break fuori dall’area stessa, forte accelerazione e rottura anche sella prima resistenza statica (intermedia) di lungo termine visualizzata a 11/11,5 euro circa. Il momentum è dunque estremamente favorevole sin dal mese scorso ma è anche evidente come la condizione generale sullo stesso stia entrando in una fase di potenziale ipercomprato grave; ciò non significa automaticamente che i corsi dovranno scendere a breve ma, presumibilmente, si abbassano considerevolmente le probabilità che l’accelerazione continui per molto tempo senza soste o rientri almeno parziali su posizioni precedenti. In quest’ottica, dunque, vorrei far notare come una fascia di prezzi tra 8,8 e 10,2 euro (indicata in grigio sul grafico settimanale) possa essere considerata in futuro come possibile polo di attrazione per i valori di mercato, sia in quanto livello di forte resistenza negli ultimi anni, sia in quanto area di concentrazione di prezzi e valida per entrate (eventualmente anche multiple, distribuendo la liquidità di riferimento per l’investimento) sulla debolezza di breve/medio termine almeno fintanto che il trend di lungo sia consolidato al rialzo,

 saes getters mensile

Chi sono
Marco Benzoni

Dimensionetrading.com è un sito che sviluppa tematiche sui mercati finanziari e fornisce servizi di trading su azioni e derivati. http://www.dimensionetrading.com