Renko, grafici senza la costante tempo (seconda parte)

Scritto il 28 Aprile, 2013 - 7:50 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
3921 letture
Tag

Anche in questa tipologia di grafico (Renko) il fattore tempo viene considerato una costante, e pertanto non ne costituisce parte importante, a differenza della variazione di prezzo che invece ne rappresenta la base di fondo.

Il grafico Renko è costruito con una sorta di mattoni (bricks), in giapponese chiamati renga ( cui probabilmente deve il nome), rappresentati a forma di rettangolo, tutti della stessa dimensione in quanto rappresentano l’entità minima di movimento e che fungono da filtro.

 

La dimensione del filtro nella rappresentazione Renko

Come detto la grandezza dei mattoni rappresenta la sensibilità del filtro, ma cosa si intende esattamente? Si tratta essenzialmente di definire l’ampiezza del rettangolo in termini di punti e questa costituirà l’ampiezza del filtro. Quindi se ci troveremo di fronte a movimenti di prezzo superiori a tale misura, questi verranno riportati nel grafico approssimandoli per difetto, mentre al contrario se di entità inferiore verranno ignorati.

Le fasi della costruzione del grafico:

  • Il valore della prima chiusura considerata rappresenterà il livello iniziale del grafico.
  • Si considera il valore della seconda chiusura: se il movimento sarà superiore alla dimensione del nostro filtro, ovvero del nostro mattone, disegneremo uno o più bricks (in base all’ampiezza della variazione); in caso contrario attenderemo il valore della chiusura successiva.
  • Se il valore della chiusura sarà superiore al valore di apertura, tracceremo uno (o più) rettangoli bianchi nella stessa direzione, in caso contrario il colore sarà nero e la direzione sarà contraria.

Un ulteriore filtro è costituito dal Reversal, ovvero si considera come vera e propria inversione di trend una successione di almeno due bricks contrari al trend precedente:

Un esempio di grafico renko rapportato ad un grafico candlestick

renkomirror renko

___

Lorenzo Zardi

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.