Profughi, aiuto o business

Scritto il 9 Settembre, 2015 - 11:00 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1521 letture
Tag

Profughi, aiuto o business. Oggi guardiamo con occhio diverso la situazione e il tema legato ai profughi.

Profughi

Profughi

Partiamo dagli stanziamenti della Germania:

Sei miliardi di euro. A tanto ammonta lo stanziamento stabilito dalla coalizione di governo tedesca guidata dalla cancelliera Angela Merkel per la gestione dell’emergenza migranti. Il pacchetto di misure è stato concordato al termine di colloqui che si sono protratti nella notte, è suddiviso in una parte equivalente a tre miliardi di euro a livello di bilancio federale ed una di pari importo da destinare agli stati e governi locali per gestire in loco l’accoglienza dei migranti.

Perdonatemi l’accostamento della parola profugo, con quella di business, ma la mia sensazione e che i paesi europei abbiano cambiato la loro vision, sulla base di questo ragionamento.

Un economia come fa a crescere?

Grazie alle persone, che devono essere giovani, affamate con tanta voglia di emergere. L’Europa oggi è un paese vecchio con natalità molto bassa, in Germania addirittura negativa, quindi facciamo questa considerazione:

-Germania ha un grande surplus di bilancio inutilizzato.

-Tasso di natalità sotto zero….

Se facciamo una breve somma, sbagliamo se affermiamo che la Germania ha tutto l’interesse a far venire immigrati, cercare di regolarizzarli e farli diventare i futuri contribuienti del paese? Assolutamente no.

Se noti, a livello politico questa manovra è stata fatta per prima dall’, ma mentre prima nessuno voleva profughi, ora tutti fanno a gara per prenderli in casa, non ti sembra strano?

A me sembra semplicemente un cambio di rotta di mamma Merkel, che ha cambiato la sua politica in merito, e dato ordine anche agli altri paesi europei di fare lo stesso.

Questo processo è corretto dal punto di vista economico?

Assolutamente si, sono gli individui, i loro bisogni che possono fare crescere un paese, in questa fase in Europa si stanno creando le basi per una rinascita del futuro.

Per chi vive in Europa invece?

Sarà un periodo difficile, ricco di tensioni e problematiche, legate a questo processo di integrazione, che sarà certamente ricco di scontri e di intolleranza razziale.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.