PRIMA DI INVESTIRE IN BORSA NEL 2019

Scritto il 16 Aprile, 2019 - 12:07 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1930 letture
Tag

Negli investimenti, la cosa più importante la consapevolezza,questo articolo ti aiuta in questa direzione.

Tre aspetti chiave che bisogna assolutamente tenere in considerazione per chi vuole investire in borsa nel 2019 .

1 Il primo tema che devo prendere in considerazione riguarda i rapporti tra la Federal Reserve e Don al Trump, infatti recentemente il presidente degli Stati Uniti d’America ha accusato in maniera molto pesante, molto importante la Federal Reserve di non fare il suo lavoro.Accusandola di aver sbagliato la sua politica di gestione dei tassi di interesse . Sostenendo che se avesse utilizzato uno stile di politica economica più accomodante e quindi non procedendo al rialzo dei tassi, ma procedendo con la stabilizzazione degli stessi a quest’ora la borsa americana avrebbe un valore molto più elevato è un’inflazione contenuta .In caso la Federal Reserve dovesse decidere, anche solo per ripicca di entrare in diretto conflitto con il presidente Donald Trump, si potrebbero verificare delle tensioni molto forti sui mercati dovute alla perdita di fiducia nelle istituzioni.


2 Secondo aspetto estremamente interessante che va preso in considerazione è legato alle quotazioni del petrolio. Nel 2019 abbiamo visto una salita dei prezzi del greggio nuovamente molto importante .Ora la salita sta certamente creando dei benefici al listino azionario americano, in generale ai listini azionari, perché il peso dei titoli petroliferi è molto importante, il problema è che se il prezzo del petrolio dovesse raggiungere dei livelli critici per l’economia si farebbero nuovamente a creare dei fenomeni inflattivi molto forti, con il rischio che vedrebbe certamente il mercato preoccupato di un rallentamento accelerato da parte dell’economia reale . Per fare un ragionamento in numeri, stiamo parlando a mio avviso di un livello soglia del prezzo di 100 $ al barile, ossia sei pezzi dovessero raggiungere tale livello il mercato continuerebbe a premiare i titoli petroliferi, ma vedrebbe molto male le prospettive economiche del mercato e quindi ci sarebbero forti rischi di rallentamento e conseguenti vendite dello stesso .


3 Estremamente importante legato alla politica dei dazi. Oggi le maggiori tensioni si registrano tra Stati Uniti e Cina ma recentemente il presidente Donald Trump ha dichiarato guerra con i dazi anche all’ Europa. In generale quello che non piace ai mercati è l’atteggiamento del presidente, si sta creando inimicizie a livello mondiale. Sino ad oggi ha sempre avuto la meglio però c’è da chiedersi se creandosi tutte queste inimicizie a lungo termine questa politica sarà positiva .

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.