Prezzo del petrolio nel 2016: 20 dollari

Scritto il 25 Febbraio, 2016 - 7:32 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3305 letture

Prezzo del petrolio nel 2016: 20 dollari. Tutti pensano che la discesa sia finita, ma da questa analisi la situazione sembra differente.

Arabia Saudita

Oggi cercherò di fare un analisi, seguendo il mio stile di trading, ossia comparando vari mercati correlati, per avere più informazioni possibili e quindi eliminare, il rumore dei prezzi che solo con l’ausilio dell’analisi tecnica non è più possibile. Ma vediamo subito numeri e grafici insieme per capire le quotazioni del prezzo del petrolio.

US Crude (Spot)

Come possiamo notare dal grafico del petrolio, ci rendiamo conto che i prezzi si sono avvitati in un cono di compressione ribassista, che però potrebbe non essere ancora terminato. Il recente livello d 28 è risultato essere un livello di prezzo sensibile e questo e certamente vero, ma le quotazioni hanno si reagito, ma la forza dei compratori non è stata cosi eclatante. Quindi al momento, i prezi si trovano in una fase laterale, ma questo non vuol dire obbligatoriamente che si tratti di una fase accumulativa, per questo abbiamo bisogno di altri strumenti per sopperire a questo limite di conoscenza.

Prima di passare ad analizzare una altro grafico di correlazione, dobbiamo ricordare che da poco abbimo avuto una intervista del grande boss dell’Arabia Saudita, che ha dichiarato che loro possono reggere sino a 20 dollari come prezzi e che il loro intento non velato, ma dichiarato è quello di uccidere i produttori non economici, quindi i produttori di shale oils che sono già praticamente morti, ma non solo, eliminare anche i produttori inventati, ossia quelli che non hanno un petrolio di qualità o i produttori che rimangono sul mercato solo grazie costosi processi di perforazione. Il concetto e devo dire corretto è quello di soffrire oggi, per godere in maniera continuativa domani.

Passiamo a una nuova correlazione:

Nel grafico sotto, vediamo i prezzi di Usd-Cad in relazione al petrolio e notiamo la loro perfetta correlazione inversa.Ossia quando abbiamo uno Usd Cad che sale, abbiamo un prezzo del petrolio che scende.

CAD

Ma andiamo allora più in profondità, ed esaminiamo il grafico di Usd Cad, su cui ieri ho aperto delle posizioni long. Infatti il grafico strong di luno termine, ora viene da una bella fase di rintracciamento, ma…ormai sono settimane che notiamo che lentamente, ma in maniera costante il numero di compratori sta aumentando rispetto ai venditori e che il trend è pronto a ripartire. Accelerazioni di prezzo si avranno sopra gli 1.4. Nel portafoglio del trader trovi la mia operatività live.

CAD

La sintesi di queste analisi comparate, ci porta ad una conclusione, che la discesa dei prezzi del petrolio potrebbe non essere finita e che abbiamo strada sino al livello di 20. Se si verificasse questo scenario che cosa accadrebbe ai listini? Alle banche americane? Be questo lo vedremo in un altro nostro approfondimento. Ci tengo a sottolineare che questi sono studi che io e il mio team, facciamo sempre prima di scegliere un investimento un assets. A questo mi riferisco, quando affermo che l’epoca del fai da te è finita ed è necessario se si vuole guadagnare sui mercati farsi accompagnare da un team di professionisti che sia in grado a livello di money managemnet e livello professionale di fare queste analisi altrimenti..

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.