Prelievo forzoso per gli italiani

Scritto il 27 Gennaio, 2014 - 15:58 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2551 letture
Tag

Prelievo forzoso per gli italiani.Oggi è uscito un articolo ricco di amore da parte della Bundesbank verso l’Italia,oltre a leggere l’articolo,vi darò la mia vision in merito.

prelievo forzoso

prelievo forzoso

Io penso che che l’obiettivo sia quello del prelievo forzoso,ma non come molti si aspettano,ossia un prelievo una tamtum dal conto come in passato.Nella mia piccola esperienza le cose difficilmente si ripetono uguali.L’obiettivo dello stato italiano è quello di stringere giornalmente la morsa in cui dentro ci sono gli italiani in che modo? Semplice rendendo sempre più difficile e burocratico per gli italiani portare i soldi fuori dal sistema ,in questo modo con aumenti di tasse e politiche repressive i risparmi verranno erosi, diciamo dolcemente senza nessun morto apparente,ma con un impoverimento totale della popolazione.Per tutti coloro che vogliono avere delle soluzioni al sistema Italia,come sempre sono dipsonibile,potete scrivermi una mail: fabio.trogli@gmail.com

Ecco l’articolo di Milano Finanza.it:

Un prelievo una tantum sui capitali privati. Questo propone la Bundesbank guidata da Jens Weidmann per i Paesi europei a rischio fallimento (la banca centrale tedesca non fa l’elenco dei Paesi a rischio, ma è facile immaginare che tra questi metta volentieri l’Italia). L’ipotesi era già stata sollevata dal Fondo Monetario Internazionale (Fmi) in un report dello scorso ottobre che aveva fatto molto rumore. Lo stesso Fmi aveva poi spiegato che si trattava di un caso puramente teorico e non di una raccomandazione. Fatto sta che nel report era stato calcolato che per riportare i debiti pubblici di 15 Paesi di Eurolandia ai livelli precedenti il 2007, anno in cui è scoppiata la crisi finanziaria globale, sarebbe stato necessario un prelievo una tantum del 10% sulla ricchezza delle famiglie.

La Bundesbank è molto più chiara sulle sue intenzioni, affermando esplicitamente nel suo report mensile che “nel caso eccezionale dell’incombente bancarotta di un Paese, un prelievo una tantum sui capitali dovrebbe avere più successo di altre opzioni”.

Secondo la Bundesbank, “una tassa sui capitali corrisponderebbe al principio della responsabilità nazionale, in base al quale i contribuenti sono responsabili delle obbligazioni del proprio Paese prima che venga richiesta la solidarietà internazionale”. Bontà sua, la Bundesbank ammette che questa soluzione comporta “rischi significativi” ed è di difficile attuazione. Tuttavia, al contrario del Fmi, non fa nulla per nascondere che il prelievo forzoso è la sua opzione preferita per risolvere il problema del debito pubblico.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.