Pivot Points, supporti e resistenze dai livelli candlesticks

Scritto il 12 Giugno, 2013 - 8:00 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
2720 letture
Tag

Introdotti da Neil Weintraub, trader di Chigaco, i pivot points sono essenzialmente dei livelli di prezzo, calcolati in riferimento ai valori di massimo e minimo precedenti, nonché ai valori di chiusura. Essendo dei livelli di prezzo di formulazione abbastanza semplice, sia per la formula utilizzata, sia per il concetto basilare su cui si fondano, si tratta di un sistema di individuazione di livelli di supporto e resistenza molto semplice ma abbastanza interessante soprattutto nell’operatività multiday, poiché vengono considerati livelli di prezzo su candele giornaliere per esempio, quindi livelli piu significativi. Utilizzando invece i pivot points su un grafico candlestick di timeframe inferiore, come accade sempre otterremo una maggiore sensibilità ma molti falsi segnali che potrebbero indurci in errore.

 

Il calcolo dei pivot points:

I dati necessari al calcolo e alla determinazione dei pivot points sono i seguenti:

  • Max price
  • Min price
  • Close price

Da questi dati si procede calcolando l’Average Price (AP) = (Max+Min+Close) / 3

Da cui si determinano i Pivots di supporto e di resistenza:

  • Support Pivot 1: SP1 = (AP*2) – Max Price
  • Resistence Pivot 1: RP1 = (AP*2) – Min Price
  • Support Pivot 2: SP2 = AP – (RP1 – SP1)
  • Resistence Pivot 2: RP2 = (AP – SP1) + RP1

pivot points

I livelli di prezzo così definiti permettono di identificare quindi livelli di acquisto e di vendita, nonché di target, infatti ad esempio una rottura rialzista del livello di resistenza 1 prelude ad un possibile target di prezzo al livello di resistenza successivo, tuttavia al contrario la mancata rottura e il rimbalzo potrebbe preludere ad un target di prezzo coincidente approssimativamente con l’Average Price di riferimento.

Come tutti gli studi, l’utilizzo di questa strategia va sempre contestualizzata nel trend del prezzo e affiancata ad altri studi ed oscillatori per poter intuire con più precisione la direzione di fondo del trend.

___

Lorenzo Zardi

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.