Petrolio WTI, cerchiamo un segnale di trading short in trend

Scritto il 7 Gennaio, 2014 - 20:05 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1511 letture

Segnali Forex di Price Action
Petrolio WTI, dopo la falsa rottura dell’importante resistenza $98,50 il Petrolio è letteralmente precipitato con la prospettiva di un ritorno in zona $92!

Petrolio WTI: il cfd del WTI americano sembrava, a fine anno, essere ben impostato per una continuazione rialzista in virtù del break out della resistenza $98,50 di metà dicembre e della successiva candela settimanale di conferma (penultima dell’anno). Il rafforzamento del dollaro e, soprattutto, l’incremento di produzione di petrolio in Libia hanno però generato tensioni nel prezzo con conseguente ritorno al di sotto del livello chiave di Price Action sopra citato, generando di fatto una falsa rottura weekly. Il petrolio ha perso più di 7$ in sole 3 sedute, rompendo al ribasso la media mobile e riportando l’outlook da rialzista a ribassista. Al fine di entrare in questo trend, una strategia di trading corretta potrebbe essere quella di attendere un ritracciamento in zona $95,30/96 e valutare la formazione di un segnale di price action short al fine di aprire posizioni in vendita di Petrolio con target iniziale sul supporto $92,20 e poi, eventualmente, in zona $90.
usoil07

Calendario Forex

Le feste sono terminate ed i mercati tornano gradualmente al loro standard di negoziazioni. Anche il calendario economico “riprende forma” e ci mostra oggi gli importanti dati sul mercato del lavoro tedesco con una disoccupazione stabile al 6,9%, come da attese, e sull’inflazione dell’area euro, scesa allo 0,8% come previsto. Altri dati macro di media rilevanza sono giunti dall’Australia e dagli Stati Uniti (bilance commerciali).
I mercati azionari asiatici chiudono contrastati (negativa Tokyo), quelli Europei si mantengono positivi così come gli indici statunitensi.
Il mercato Forex ci ha mostrato un’altra giornata di solidità del dollaro e del neozelandese, una correzione tecnica per i metalli preziosi ed una seduta contrastata per l’euro.
Tra le notizie più importanti di domani ricordiamo le vendite al dettaglio ed il tasso di disoccupazione della zona euro ma, soprattutto, dagli Stati Uniti il Minute del Fomc con la pubblicazione dei verbali relativi all’ultimo meeting di politica monetaria dello scorso 18 dicembre.
www.mauriforex.com
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.