Petrolio, pronti ad una rottura short.

Scritto il 17 Ottobre, 2013 - 20:25 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1525 letture

Petrolio, il greggio continua a disegnare un movimento discendente che si stringe sull’area di supporto $101. Stiamo pronti a segnali di vendita…

Petrolio: il grafico giornaliero evidenzia sempre una fase di congestione di medio periodo tra i livelli $101 e $110 (come avevamo già commentato in altri articoli del blog). Il breve termine però disegna un movimento decisamente più impostato al ribasso, sotto la media mobile e con massimi decrescenti. Anche il settimanale evidenzia una reazione del prezzo del petrolio proprio sotto la media mobile 21, che ha svolto un egregio compito come resistenza dinamica, aumentando la probabilità di un’accelerazione ribassista.  A tal proposito se dopo i sei ultimi tentativi di violazione il prezzo dovesse finalmente riuscire a confermare la rottura  dell’area di supporto $101 (o meglio $100,50) potremmo rivedere il petrolio di nuovo sui livelli di fine giugno in area $98. Prestiamo attenzione quindi ad un chiaro segnale di price action short per cogliere questa opportunità che potrebbe anche coincidere (ed essere avvalorata) con un movimento rialzista di Usd-Cad dopo aver raggiunto il livello di supporto statico e dinamico 1,0270 (vi è tra i due strumenti una classica correlazione negativa!).
oil17

Finestra macroeconomica

Il pericolo default è, al momento, scongiurato con il braccio di ferro vinto alla fine dal presidente Obama e dai democratici. Questa notte sia la Camera che il Senato americano hanno approvato l’accordo raggiunto, che prevede l’approvazione del bilancio governativo fino alla metà di gennaio e l’estensione del tetto sul debito fino al 7 febbraio, una soluzione momentanea ma che consente di evitare il fallimento tecnico e di contare su un più ampio periodo per trovare una soluzione definitiva. I repubblicani, che avevano favorito lo shutdown per avere un maggior potere negoziale, hanno onestamente (qui in non succederebbe mai!) ammesso la sconfitta votando a favore dell’accordo per senso di responsabilità.
Il calendario di oggi ci ha presentato la fiducia nella economia in Australia (in rialzo), le vendite al dettaglio nel Regno Unito (molto al di sopra delle attese) e le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti (che, seppur al di sotto della scorsa settimana, sono comunque risultate superiori alle attese del mercato e quindi un dato fondamentalmente non positivo).
Gli indici azionari sono stati caratterizzati da una seduta di prese di profitto con chiusure negative per Parigi, Francoforte e Milano, positive invece Londra e Madrid. Indici contrastati anche in America.
Il mercato Forex evidenzia oggi un crollo del dollaro, una debolezza del petrolio ed una forza delle commodity currencies e dei metalli preziosi.
Fra i più importanti market movers di domani evidenziamo il prodotto interno lordo, la produzione industriale e le vendite al dettaglio in Cina; l’inflazione in Canada ed i discorsi del governatore della banca centrale australiana Stevens e della Bank of Japan Kuroda.
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.