Petrolio: analisi settimanale dei movimenti

Scritto il 9 Maggio, 2016 - 5:36 da Manuele Ciabatti
Pubblicato in
1483 letture
Tag

Il prezzo del petrolio ha chiuso la passata sessione settimanale su posizioni “short” a 44,61$ per barile, anche se l’ultima sessione giornaliera ha registrato un leggero rialzo.

Gli eventi relativi all’incendio nella città di Fort McMurray in Canada, che hanno bloccato l’attività di estrazione della società petrolifera Suncor Energy, hanno consentito il recupero del prezzo dell’oro nero.

Tuttavia, il Petrolio risulta essere ancora debole sui mercati internazionali a causa dello spettro di un eccesso di scorte globali.

Infatti, nonostante il report sul numero degli impianti di trivellazione USA Baker Hughes mostri la riduzione di 4 unità, passando da 332 a 328, il report dell’Energy Information Administration (EIA) sulle scorte di greggio ha evidenziato un aumento di 2,784 milioni di barili su una previsione di 1,695 milioni, raggiungendo un livello record di giacenze pari a 543,4 milioni di  barili.

Considerando la correlazione diretta ed inversamente proporzionale tra il prezzo del petrolio ed il cross valutario Usd/Cad, la performance settimanale di quest’ultimo asset è stata positiva.

Infatti, il dollaro americano si è rafforzato su quello canadese, come risulta dallo studio dei grafici seguenti:

USDCAD

cross Usd/Cad su time frame mensile

USDCAD(Settimanale)20160508135624

cross Usd/Cad su time frame settimanale

Dopo aver analizzato l’andamento dell’oro nero attraverso l’analisi fondamentale, adesso è opportuno approfondire il trend del prezzo del petrolio attraverso riflessioni di natura tecnica.

Il grafico del Crude Oil su time frame mensile evidenzia che:

Crude Oil(Mensile)20160508141113

Crude Oil su time frame mensile

  1. le medie mobili esponenziali a 5 e a 10  periodi si mantengono due forti supporti dinamici con il prezzo che si muove tra i valori della EMA (10) ed la BBMiddle;
  2. l’indicatore RSI lavora al di sopra della media mobile a 9 periodi, collocandosi a 38,83 punti con le forze rialziste che cercano di posizionarsi in maniera più decisa sul mercato.

L’analisi grafica su time frame settimanale mostra che:

Crude Oil(Settimanale)20160508141122

Crude Oil su time frame settimanale

  1. le medie mobili esponenziali a 5 e a 10 periodi sono forti supporti dinamici in un chiaro trend su posizioni “long”;
  2. l’indicatore RSI, nonostante una lieve flessione, lavora al di sopra della media mobile a 9 periodi, collocandosi a 58,93 punti in una zona ampiamente rialzista ben controllata dai compratori.

Lo studio su time frame giornaliero, invece, manifesta che:

Crude Oil(Giornaliero)20160508141130

Crude Oil su time frame giornaliero

  1. le medie mobili esponenziali a 5 e a 10 periodi sono ancora forti resistenze dinamiche, anche se il prezzo comincia a muoversi all’interno di una fase congestionale;
  2. l’indicatore RSI, pur portandosi a 61,27 punti, lavora al di sotto della media mobile a 9 periodi, confermando questa fase laterale del prezzo.

Da questo studio risulta che il prezzo del petrolio è in “up”, in quanto la EMA (5) e la EMA (10) su time frame mensile e settimanale sono ancora forti supporti dinamici.

Va, inoltre, considerato che l’oro nero sta vivendo una fase di ritracciamento del prezzo, come già osservato negli articoli “Petrolio: Trend in “up” e “Petrolio: analisi mensile e settimanale“.

Infatti, il Crude Oil su time frame giornaliero sembra collocarsi all’interno di un canale laterale che evidenzia una momentanea fase congestionale.

Queste considerazioni valgono anche per il petrolio Brent che attualmente è quotato 45,32$, marcando uno spread con il Greggio pari a 0,71$.

Ritenendo fondamentale fare un approfondimento degli indicatori economici ad alta volatilità che incidono in maniera forte e determinante sul prezzo del petrolio, dal calendario economico di questa settimana risulta che:

  1. oggi vi sarà il discorso del Membro del FOMC Kashkari;
  2. martedì 10 maggio si terrà il discorso del membro del FOMC Dudley e verranno pubblicati il report del National Bureau of Statistics of China sull’Indice dei Prezzi al Consumo (Annuale), quello del Bureau of Labor Statistics sui Nuovi Lavori JOLTs ed infine, quelli dell’American Petroleum Institute (API) sulle scorte settimanali di petrolio e sul rapporto USA settimanale di Cushing, Oklahoma, sulle giacenze di Crude Oil;
  3. mercoledì 11 verranno divulgati i report dell’Energy Information Administration (EIA) sulle scorte di petrolio greggio e sull’inventario USA di Cushing, Oklahoma, delle giacenze di Crude Oil e quelli del US Department of Treasury sull’Asta Note del Tesoro, con scadenza a 10 anni e sul bilancio del budget federale;
  4. giovedì 12 saranno rilasciati i dati del report dell’U.S. Bureau of Labor Statistics sull’indice dei prezzi all’esportazione (Mensile), quello del US Department of Labor sull’indice dei prezzi all’importazione (Mensile), quello del Department of Labor sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ed infine, quello del Statistics Canada sull’indice dei prezzi delle nuove abitazioni (Mensile); 
  5. venerdì 13 verranno pubblicati i report del Census Bureau sulle vendite al dettaglio beni essenziali (Mensile) e sulle vendite al dettaglio (Mensile), quello dell’U.S Bureau of Labor Statistics – Department of Labor sull‘IPP (Indice dei Prezzi di Produzione) (Mensile), quello sugli impianti di trivellazione Usa Baker Hughes e, per concludere, il report mensile dell’Opec sull’andamento del mercato del greggio.

Va, infine, ricordato che sabato 7 in Arabia Saudita, principale esportatore mondiale di greggio, Khaled al-Falih, presidente del colosso petrolifero Aramco, è stato nominato Ministro del Petrolio al posto di Ali al-Naimi, in carica del 1995. Vedremo se questo cambio si manterrà, comunque, in linea con le politiche del suo predecessore, o daranno una svolta in ambito internazionale.

Pertanto, questi saranno i “market mover” che condizioneranno il prezzo del Petrolio e dei cross valutari Eur/Usd e Usd/Cad.

Buon Trading

Chi sono
Manuele Ciabatti

Sono avvocato iscritto nell'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid e vivo stabilmente da 4 anni nella capitale spagnola. Sono consulente immobiliare presso REMAX HORIZON a Las Rozas de Madrid. Oltre alla mia formazione di natura giuridica, ho sempre avuto la passione per la finanza. Per questo motivo dopo uno studio di carattere generale, ho seguito sempre da vicino le dinamiche relative al petrolio ed alle sue implicazioni con il mercato Forex, con gli Indici ed i titoli azionari delle compagnie petrolifere. Attualmente collaboro in qualità di analista finanziario con le riviste online di Investing.com e di Fabio Troglia. Durante la mia fase di formazione ho esplorato e mi sono avvicinato sempre di più alle nuove forme di trading online e sopratutto al mondo delle opzioni binarie. Ho appreso a commerciare con le opzioni binarie, riducendo i margini di rischio al minimo ed aumentando esponenzialmente i successi attraverso due step fondamentali: 1. lo sviluppo di strategie di investimento collaudate nel tempo; 2. il corretto approccio psicologico.