Pensione, italiani siate felici pensando al Giappone

Scritto il 7 giugno, 2013 - 9:11 da Fabio Troglia
Pubblicato in
6419 letture
Tag

Pensione,italiani siate felici pensando al Giappone.Il ministro dell’economia Akira Amari lancia una proposta sconvolgente, ossia quella di non andare più in pensione,ma di lavorare tutta la vita.

Pensione

Pensione

Qualcuno potrebbe dire…..Amari, ma l’idea viene al ministro giapponese,in relazione alla situazione anagrafica della popolazione nipponica,tra qualche decennio 1/4 della forza lavoro avrà un età superiore ai 65 anni.Quindi aumento della spesa sanitaria,previdenziale ecc..Lui propone, utilizzando nuove tecnologie, e una riforma del sistema previdenziale,di far lavorare tutta la vita le persone.Andiamo avanti nella fantastica storia,per raggiungere il suo obiettivo si potrebbero usare cellule IPS (staminali pluripotenti indotte) quindi, sarà possibile sostituire le cellule malate con quelle nuove,nonchè una deregolamentazione del settore farmaceutico, per favorire la produzione di nuovi farmaci.

Quindi gli italiani quando pensano alla pensione devono essere felici,osservando l’idea del Giappone non vi pare?Concettualmente penso sia un idea assurda, dal punto di vista pratico mi sembra una razionalizzazione di quello che sta già accadendo.Ogni anno per vari motivi è necessario far una modifica alla legge sulle pensioni,per motivi di fondi,per età e per mille ragioni che non stiamo ad indagare in questa sede,ma sta di fatto, che questo regolarmente accade.Il Giappone ,che a mio avviso rappresenta un’anticipazione di quello che sta succedendo al mondo industrializzato,da un altro colpo deciso a questo processo. Il mondo futuro si presenta così:

-Lavorare 10-12 ore al giorno.

-Difficoltà ad avere figli,per motivi di tempo economici e di salute.

-Salute precaria,dovuta al forte stress, alla cattiva alimentazione e allo scarso movimento.

Questi sono alcuni dei tratti che già oggi si intravedono e che saranno ancora più marcati nel futuro prossimo.Io personalmente sono fortunato perhè sono riuscito ad uscire da questo gorgo mostruoso,e spingo ognuno di voi ad analizzare la propria vita e chiedersi perchè siamo scesi su questa terra, quale sia il nostro obiettivo,che con il permesso di A. Amari non penso sia quello di lavorare-lavorare senza mai avere un tempo per la propria famiglia,per i propri divertimenti per il proprio arricchimento spirituale.Vi ricordo che io faccio il trader per essere libero di vivere la mia vita,non schiavo del sistema e che ognuno nel suo piccolo può e deve trovare la sua forma di libertà e non vivere per lavorare pensando ogni giorno a quando andrà in pensione.

 

 

 

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.