Paul Tudor Jones, riflessione di un trader da 4,6 miliardi

Scritto il 20 Marzo, 2015 - 12:53 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2777 letture
Tag

Paul tudor Jones, riflessione di un trader da 4,6 miliardi.Oggi ti voglio riportare questo intervendo di Paul Tudor Jones a Ted.

Paul Tudor Jones

Paul Tudor Jones

 

Inizia la sua intervista affermando:

Il capitalismo deve basarsi sul capitalismo e non sulle grandi e crescenti divisioni economiche.

Siamo nel bel mezzo di una mania del mercato disastrosa”, ha avvertito “una delle peggiori della mia vita”. “Forse la cosa più inquietante”, conclude, “è che storicamente questa si concluderà con una rivoluzione, tasse più alte o guerre.

Paul Tudor Jones ricchezza stimata in 4.6 miliardi di dollari continua:

Il capitalismo deve basarsi sulla giustizia e la moralità e mai più sulle grandi e crescenti divisioni economiche… Io non sono contro il progresso. Ma da una maggiore ricchezza dovrebbe venire, deve venire … una maggiore responsabilità sociale delle imprese. Quando riusciremo a mettere giustizia alla pari con i profitti, otterremo la cosa più preziosa del mondo. Avremo indietro la nostra umanità“.

Paul Tudor Jones ha recentemente fondato Just Capital, un’organizzazione no profit con la missione di aiutare le aziende ad utilizzare gli input dei cittadini per scoprire i criteri che definiscono la giustizia.

Quest’anno intervisteranno 20.000 americani e dovrebbero rilasciare i risultati nel mese di settembre, ha annunciato Tudor Jones.
Conclude affermando:
“Forse scopriremo che la cosa più importante per le persone è la creazione di posti di lavoro con salari dignitoni o la realizzazione di prodotti sani, il rispetto dell’ambiente”, ha spiegato. “In Just Capital non lo sappiamo. Non siamo noi decidere. Abbiamo fiducia al 100% negli americani”
Mi piacerebbe sapere, quali sono per te i valori più importanti?
Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.