Oro, prepariamoci ad una nuova discesa.

Scritto il 27 Giugno, 2013 - 20:39 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1439 letture

Oro, il trend ribassista è ripreso con la rottura della lateralità di ieri. Stiamo pronti a cogliere la prima opportunità short per salire sul treno, vediamo come…

Oro: il grafico giornaliero dell’ Oro sembra ormai molto ben impostato per proseguire il movimento ribassista iniziato a metà aprile ed accentuatosi una settimana fa. Dopo la brevissima fase di accumulazione, il prezzo ha rotto l’area di supporto $1.270 con una forte marubozu discendente che ha portato il metallo giallo appena sopra il livello $1.200. Oggi abbiamo avuto un rimbalzino, senza eccessiva forza, per poi nuovamente continuare la discesa con la violazione della lateralità intraday visibile nel grafico H4, e ciò è indicativo di come ci sia una pressione delle posizioni in vendita superiore a quelle in acquisto. Il livello migliore dove ricercare uno dei miei segnali short è in area $1.250. Tuttavia il prezzo potrebbe non avere la forza necessaria per continuare a correggere ed, in questo caso, un pullback nel livello intermedio $1.225 potrebbe essere il trigger per una continuazione ribassista verso le prossime aree di supporto $1.160 prima e $1.060 poi.Oro27

Finestra macroeconomica

Il calendario economico di oggi ha evidenziato dalla Nuova Zelanda un dato relativo alla bilancia commerciale inferiore alle attese ma, allo stesso tempo, un aumento della fiducia nell’economia.
Buone notizie dall’Europa con una diminuzione in giugno dei disoccupati tedeschi (con tasso di disoccupazione stabile al 6,8%) ed un dato sulla fiducia economia in aumento nella zona euro. Dall’Inghilterra registriamo invece una diminuzione della stima del PIL risultata allo 0,3% contro lo 0,6% delle previsioni.
Dagli Stati Uniti abbiamo avuto il dato sulle richieste di sussidi alla disoccupazione scese a 346mila unità, meglio della rilevazione anteriore ma non come il mercato si attendeva.
Domani conosceremo diversi dati macroeconomici dal Giappone (l’inflazione, la disoccupazione, le spese familiari e la produzione industriale); la fiducia dei consumatori inglesi; l’inflazione tedesca; il prodotto interno lordo canadese e l’indice di fiducia dell’Università del Michigan (con la consueta volatilità attesa per il dollaro americano).

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.