Nzd-Usd, riparte il trend di lungo periodo?

Scritto il 29 Ottobre, 2015 - 10:49 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1558 letture

Segnali Forex di Price Action
Nzd-Usd, grafico settimanale ribassista e giornaliero al limite del break-out! Potremmo rivedere belle discese anche sul “Kiwi” se la spinta del Dollaro venisse confermata.

 

 

Nzd-Usd, il meeting di politica monetaria della Federal Reserve conclusosi ieri ha evidenziato la concreta possibilità di assistere finalmente ad un rialzo dei tassi forse già dalla prossima riunione di dicembre, e ciò ha generato un forte movimento in acquisto della valuta statunitense. Nell’ambito di questo rafforzamento del Dollaro Nzd-Usd ha violato ieri il livello intermedio di supporto 0,67 fino a giungere sui minimi bisettimanali 0,6620 anche se, quasi a fine seduta, abbiamo assistito ad un bel recupero del Neozelandese in seguito alla decisione della Banca di Riserva della Nuova Zelanda di mantenere invariati i tassi al 2,75%.

Passata questa fase di particolare volatilità (risultato proprio dei due meeting monetari) il prezzo è tornato a scendere e si trova in questo momento esattamente in linea con la media mobile nel time frame giornaliero. Questa situazione di “incertezza” riguarda soprattutto quest’ultimo periodo temporale in quanto il settimanale è sicuramente meglio impostato al ribasso e, come altre coppie con il Dollaro americano, potrebbe mostrarci una ripresa della tendenza discendente di lungo periodo, arrestatasi proprio negli ultimi mesi a causa di questo continuo “tira e molla” sula cambio di politica monetaria della Fed. Da un punto di vista operativo sarà molto interessante valutare la candela alla fine della seduta odierna perchè se la stessa si confermerà al di sotto della EMA21 del T.F. giornaliero (e magari sotto il minimo di ieri) si potrebbero valutare delle entrate in vendita con target di breve in zona 0,67 e di medio termine in area 0,6250.

Se, al contrario, il prezzo dovesse riportarsi al di sopra del livello 0,67 e disegnare di fatto una candela Pin rialzista lo scenario sarebbe sicuramente diverso e si potrebbe valutare una strategia long, dopo un’attenta analisi delle coppie correlate e magari riducendo il rischio dell’operazione, trattandosi di un “contro trend” settimanale.

www.mauriforex.com (valute e materie prime)
www.mauritrading.it (azioni)
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

 

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.