MERCATI EMERGENTI: IL RALLY PUÒ’ CONTINUARE…

Scritto il 8 Aprile, 2019 - 11:51 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1550 letture
Tag

Mentre la ripresa nei mercati emergenti inizia a ridursi, le obbligazioni sono viste come la classe di attività più resiliente tra una riserva federale accomodante e la crescente prospettiva di una crescita globale più lenta.

La maggior parte degli intervistati in un sondaggio di Bloomberg su 36 gestori di fondi, strateghi e operatori globali si aspettava che il debito della nazione in via di sviluppo continui il rimbalzo di quest’anno. Erano meno sicuri dei rally nelle valute e nelle azioni.

Leggi cosa ha mostrato l’ultima indagine qui.

Il raduno continuerà?
Gli intervistati sono più sicuri che il rally delle obbligazioni continuerà

I mercati emergenti hanno chiuso il primo trimestre in territorio positivo, registrando i maggiori guadagni in gennaio, mentre la Fed si è mostrata sempre più accomodante e altre importanti banche centrali hanno cercato di seguirne l’esempio. Più tardi nel trimestre, la preoccupazione per le prospettive di indebolimento della crescita globale ha iniziato a pesare su asset più rischiosi, bloccando il rally che aveva inviato le azioni al loro miglior trimestre in due anni.

“Con la svolta accomodante della Fed e i rischi di rallentamento economico a livello globale, le banche centrali dei mercati emergenti non dovranno aumentare i tassi, che è un buon ambiente per le obbligazioni”, ha affermato Koji Fukaya, amministratore delegato di FPG Securities Co. a Tokyo. “Non stiamo vedendo un sentimento di rischio rialzista a tutto tondo, ma non è come se anche tutti stessero diventando ribassisti. Quindi ci sarà un po ‘di ciliegie “.

Anche se le attività dei mercati emergenti subiscono un peggioramento, le obbligazioni sono ancora viste come la scommessa più sicura, secondo l’indagine condotta tra il 20 e il 30 marzo.

Come i Bears vedono EM
Di quelli che hanno risposto che il rally dell’EM non continuerà, le obbligazioni hanno ancora prospettive migliori

Su base paese per paese, il Brasile, che il mese scorso ha visto il suo tasso chiave detenuto al minimo storico, e l’Indonesia, dove l’autorità monetaria ha acquistato obbligazioni e valuta per stabilizzare i mercati nazionali, è stata tra le prime scelte. L’Argentina, con i tassi di interesse più alti al mondo, e la Turchia, dove i tassi swap hanno subito un lieve rialzo oltre il 1.300 percento, hanno continuato a essere i meno popolari.

Classifica
Per regione, le opinioni sono state contrastanti, ma l’Asia è vista sovraperformare in due asset class.

Confronto regionale
Rispetto ai mercati sviluppati, i mercati emergenti dovrebbero ancora sovraperformare in quanto gli investitori cercano il rendimento.

Sviluppato rispetto ai mercati emergenti
È probabile che le attività dei mercati emergenti superino le controparti DM

Fonte: indagine Bloomberg su 36 investitori, commercianti e strateghi

Nota: i totali variano in quanto non tutti gli intervistati hanno risposto a tutte le domande

Gli intervistati del sondaggio considerano le prospettive di crescita globale come il principale motore per le attività dei mercati in via di sviluppo. Nel precedente sondaggio, il fattore è stato classificato n. 3.

I più grandi driver per i mercati emergenti
Infine, ecco i grafici che illustrano le prospettive di crescita, inflazione e politica monetaria in 11 mercati emergenti.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.