Mercati azionari, tra banche centrali e speculazione, ecco cosa vedo

Scritto il 1 Marzo, 2016 - 7:52 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2485 letture

Mercati azionari, tra banche centrali e speculazione, ecco cosa vedo. Ogni giorno osservo i mercati e con l’aiuto di un mio elaboratore dati prendo decisioni, ecco le ultime elaborazioni cosa, indicano.

Gold (Spot)

Gold (Spot)

Il nostro compito è quello di agire sul mercato, senza pensare, ma solo osservando i numeri, aggiungo che l’importante è osservarne tanti e di differenti mercati, per avere una vision che sia la mia realistica possibile:

Il mio sistema oggi, quota nel breve un aumento delle potenzialità long per i mercati nel breve e mi suggerisce alcune situazioni:

-Mercati emergenti in forte miglioramento. Questo è un sintomo che nel breve la paura deve scendere non salire. A livello ciclico l’analisi tecnica ci racconta che gli emergenti devono chiudere un ciclo favorevole che dovrebbe finire a Fine Giugno primi di Luglio.

-Oro, ha fatto una bellissima corsa, ma ora si trova in una congestione di prezzo delicata. Potrebbe rompere al rialzo vero, ma potrebbe anche essere una fase che preclude a una severa correzione sino in area 1150 prima di ripartire.

-Il listini azionari scendono, ma subito si riprendo segno che la tonicità dei comparatori è buona in particolare sul listino italiano che essendo quello che ha perso di più probabilmente e quello a più buon mercato.

-Aud yen vuole sempre rompere la resistenza al ribasso, ma non lo fa mai…

Ne deduciamo che sembra possibile che nel breve i listini azionari trovino spunti rialzisti, in un contesto di medio lungo termine negativo e ribassista.Quindi alla luce di questo pensiero, uno deve capire come impostare la sua strategia in termini di direzionalità, ma soprattutto di importi investiti, sapendo appunto che di fatto sta facendo un contro trend, la gestione di questo mix, si chiama Money management ed è la base degli investimenti, se uno non ha un piano, può anche individuare la direzione, ma rischia poi con la leva di finire in margin call.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.