Mario Draghi o stupisce i mercati finanziari o si crolla

Scritto il 21 Gennaio, 2016 - 6:59 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2955 letture

Mario Draghi o stupisce i mercati o si crolla. Oggi è una giornata molto importante per tutte le piazze finanziarie, vediamo nel dettaglio le dinamiche.

Mario Draghi

Mario Draghi

I mercati finanziari sono arrivati alla data del 21 Gennaio 2016 veramente molto tirati al ribasso, sono scesi senza fiato con un piglio davvero notevole. Ora la situazione si fa davvero interessante, perché siamo arrivati su livelli chiave o si reagisce e quindi parte il ciclo rialzista, oppure entriamo nel panico totale dove l’analisi tecnica poco conta.

Vediamo un po di numeri sui due indici, sui io faccio trading abitualmente ossia Sp500 e il Ftse Mib:

-Ftse Mib, a una base da non violare a 17700. Livello che invece decreterebbe l’inizio del rimbalzo, il livello di 19300 punti.

-Sp500, base da non violare 1800, per avere una inversione long dobbiamo vedere i prezzi superare l’area di 1920.

Questi numeri, spero che ti possano servire per avere dei riferimenti chiari, perché in queste fasi di mercato non si scherza.

Dal punto di vista tecnico, ieri per la seconda volta, la prima fallita, i mercati hanno provato a fare una base di appoggio per fare la ripartenza ciclica, che anche come tempi è matura.Oggi abbiamo un evento molto importante, ossia la conferenza di Mario Draghi, ossia il fattore esogeno di cui vi parlavo, quello che da solo può mutare lo scenario, la prospettiva per gli investitori. La dinamica è semplice se riesce a stupire i mercati parte il ciclo e vediamo gli indici schizzare al rialzo, in caso contario li vediamo avvitarsi nel panico e allora può succedere veramente di tutto.

In queste fasi di mercato, il mio consiglio è di essere molto tecnici e razionali, dandosi delle prospettive delle probabilità di successo del movimento e un piano di azione, nel caso il tempo volga alla tempesta semplice no?

Nel portafoglio del trader ho già impostato gli ordini con livelli chiari, in queste fasi non si deve inventare nulla, ma bisogna esser pronti a tutti gli scenari, poi ovvio che ne abbiamo uno preferito.

Lo scenario che io oggi quoto maggiormente, come duro, ma valido in relazione al rischio rendimento è quello di risalita dei prezzi. In questa occasione le attese su Draghi sono molto basse i listini in forte ipervenduto, quindi un azione anche minima di Draghi potrebbe essere vista, come un oasi nel deserto e dare il via al movimento.Come sapete io sono sempre molto trasparente e non ho paura di espormi, ieri al livello di 18100 ho fatto un nuovo acquisto sul Ftse Mib dopo quello fatto in area 20000 mila. Attenzione però che io ho una strategia di spread trading con Sp500, su cui sono strong short da tempo e che modulo gli acquisti vendite sulla base della forza, appunto mediante una attività di trading giornaliero.Quindi qui sta l’aspetto importante, andare solo long e sperare non ha senso, bisogna avere dei piani pratici, della casse di compensazione dei sistemi di salvaguardia del rischio altrimenti non si è dei tarder, ma dei giocatori di casinò.

 

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.