Margin debt: che cosa ci racconta sul futuro azionario?

Scritto il 27 Settembre, 2018 - 9:53 da Fabio Troglia
Pubblicato in
904 letture
Tag

Margin debt: che cosa ci racconta sul futuro azionario?

margin debt

margin debt

Se scarichi ora il portafoglio del trader potrai vedere in tempo reale come sfruttare questa opportunità di investimento.

Il primo grafico mostra le due serie in termini reali – aggiustate per l’inflazione al dollaro di oggi usando l’indice dei prezzi al consumo come deflatore. Alla data di inizio del 1997, eravamo nel Boomer Bull Market che iniziò nel 1982 e che si avvicinava all’inizio della Tech Bubble che ha modellato il sentimento degli investitori nella seconda metà del decennio. L’incredibile aumento della leva finanziaria alla fine del 1999 ha raggiunto il picco nel marzo 2000, lo stesso mese in cui l’indice S & P 500 ha toccato il massimo storico di tutti i tempi, sebbene la chiusura mensile più alta per quell’anno sia stata cinque mesi dopo ad agosto. Un’impennata analoga è iniziata nel 2006, con un picco nel luglio 2007, tre mesi prima del picco del mercato.

Il debito ha toccato un minimo nel febbraio 2009, un mese prima del fondo del mercato di marzo. Ha quindi iniziato un altro importante ciclo di aumenti.

Gli ultimi dati sui margini

FINRA ha rilasciato nuovi dati per il margine di debito, ora disponibile fino ad agosto. L’ultimo livello del debito è in calo dello 0,1% mese su mese. I dati di agosto ci danno un ulteriore senso del recente comportamento degli investitori.

Margin Debt

Su suggerimento di Mark Schofield, Amministratore delegato di Strategic Value Capital Management, LLC, abbiamo creato la stessa tabella con il margine di debito invertito in modo da vedere la relazione tra i due come una divergenza.

Margin Debt Inverted

Il grafico seguente mostra la crescita percentuale delle due serie di dati dalla stessa data di inizio del 1997, sempre basata su dati reali (inflazionati). Abbiamo aggiunto marcatori per mostrare i valori mensili precisi e aggiunto callout per mostrare il mese. Il debito di margine è cresciuto a un ritmo paragonabile al mercato dal 1997 alla fine dell’estate del 2000 prima di impennarsi nella stratosfera. I due si sono sincronizzati nel loro tasso di contrazione all’inizio del 2001. Ma con la ripresa dopo il Tech Crash, il debito marginale è tornato gradualmente ad un tasso di crescita più vicino al suo passato nella seconda metà degli anni ’90 piuttosto che alla crescita reale più contenuta dello S & P 500. Ma entro il settembre del 2006, il margine è nuovamente balzato. Alla fine ha raggiunto il picco nell’estate del 2007, circa tre mesi prima del mercato.

Margin Debt Growth

Lance Roberts di Real Investment Advice analizza il margine di debito nel contesto più ampio che include conti di cassa gratuiti e saldi di credito in conti di margine. In sostanza, calcola il saldo del credito come la somma di conti in contanti di credito gratuito e saldi di credito in conti di margine meno debito di margine. Il grafico seguente illustra la matematica del saldo del credito con una sovraimpressione dello S & P 500. Si noti che il grafico sottostante si basa su dati nominali, non adeguati all’inflazione. Qui, abbiamo mantenuto i dati NYSE fino a novembre 2017 e passati ai dati FINRA andando avanti.

Conclusioni

Ci sono troppi episodi di picco / depressione in questa serie di sovrapposizione per prendere gli ultimi dati sul saldo del credito come indicatore principale di una grande svendita delle azioni statunitensi. Questo è stato un indicatore interessante da osservare e continuerà sicuramente a essere osservato da vicino nei prossimi mesi.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.