Lou Jiwei, la Cina può anche rallentare

Scritto il 12 Luglio, 2013 - 10:30 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1794 letture
Tag

Lou Jiwei, la Cina può anche rallentare,questa è l’affermazione importante delle ministro delle finanze cinese, parlando a Washington,vediamo nel detaglio che cosa ha affermato Lou Jiwei.

Lou Jiwei, la Cina può anche rallentare,questa è l'affermazione importante delle ministro delle finanze cinese parlando a Washington,cediamo nel detaglio che cosa ha ffermato Lou Jiwei.

Lou Jiwei, la Cina può anche rallentare

Vi riporto un brevissimo estratto da un ansa cinese:

“Non c’è dubbio che la Cina può raggiungere l’obiettivo di crescita, anche se il target del 7% non dovrebbe essere considerato come limite inferiore”.

Come va interpretata questa affermazione? Il ministro delle finanze cinese Lou Jiwei,sa benisimo,altrimenti non avrebbe fatto una affermazione cosi importante,che la Cina è in rallentamento e comincia  preparare le piazze finanziarie dicendo che un Pil al di sotto del 7% non sia un problema per la Cina.In politica in economia,la negazione è la prima ammissione di un problema.

Quindi direi, che oramai non ci sono più dubbi sul fatto che la prossima crisi dei mercati finanziari si chiamerà Cina, la portata di tale crisi è difficile da valutare,perchè a mio avviso non è solo una questione di natura economica,ma oprattutto di natura sociale.

Come già detto più volte, il governo cinese,nell’ultimo anno ha drogato una crescita inesistente,per evitare disordini di natura sociale in Cina,ma ora a causa del perdurare della crisi si è resa conto che le sue valutazioni sulla crisi sono state errate,che questa continuerà e che lei non può continuare a sovvenzionare un sistema all’infinito,quindi si sta preparando all’impatto delle conseguenze che tale situazione determinerà.Sta preparando la platea mondiale con dei comunicati,cosa invece stia valutando di fare per l’enorme massa di popolazione che rimarrà senza lavoro…questo è un dilemma a cui io non so dare una risposta.

Immaginatevi la popolazione cinese, con una disoccupazione stile quella europea…una popolazione senza sussidi, che lavora per mangiare…capite quali saranno le conseguenze che apsettano la Cina e di conseguenza l’economie mondiali.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.