Le Banche europee ringrazieranno il corona virus perché?

Scritto il 8 Aprile, 2020 - 10:38 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3288 letture
Tag

Il settore bancario europeo, si prepara a forti cambiamenti positivi,vediamo insieme il driver di questo miglioramento.

Il driver scatenante di questo cambiamento si chiama corona virus!! SembrerĂ  incredibile per molti, ma sembra molto probabile che piĂą che un aspetto negativo questa situazione per il sistema bancario possa diventare una situazione molto positiva.

Vi riporto di seguito parte di un articolo uscito su Mf per aiutarvi a capire

I prestiti erogati fino a 25mila euro dovrebbero ottenere una garanzia automatica (cioe’ senza istruttoria) pari al 100%; anche per i prestiti fino a 800mila euro (per aziende con fatturato fino a 50 mln o 400 dipendenti) la garanzia dovrebbe arrivare al 100% mentre per quelli di importo superiore la garanzia sarebbe del 90% ma l`erogazione subordinata ad un`istruttoria. La durata dei prestiti dovrebbe essere di 6 anni. La possibilita’ di ottenere una garanzia pubblica (90% o 100%) annullerebbe ogni assorbimento patrimoniale, le banche potrebbero quindi prestare senza alcun limite visto che il rischio di credito verrebbe trasferito allo Stato (come gia’ succede nel caso delle Gacs sugli Npl). Si tratterebbe, segnalano da Equita Sim, di un intervento senza precedenti per entita’ e profonditĂ ’ nel nostro sistema economico e cambierebbe in modo radicale il ruolo delle banche nel sistema. Resta da capire se la garanzia verrebbe applicata ai nuovi prestiti o anche ai prestiti esistenti: in base ai calcoli di Equita, circa il 40% dei prestiti alle imprese ha un importo inferiore ad 800 mila euro e potrebbe quindi beneficiare della garanzia sul 100% dell`erogato.

Questo un esempio di come il mondo economico si sta muovendo per fronteggiare la crisi, che possiamo sintetizzare in questo quadro:

-Le banche ricevono denaro in quantitĂ  molto elevata, che dovranno prestare ai cittadini.La cosa molto importante che tutti questi prestiti saranno garantiti dagli stati.Lo schema italiano sara in forme e modalitĂ  diverse applicato anche da altri stati Europei,forse anche a livello globale,ma per ora non mi fermerei all’Europa.

-Dal punto di vista delle quotazioni le banche arrivano da anni di magra incredibile,con tassi bassissimi e tanti problemi che hanno dovuto risolvere con i crediti deteriorati.Tale situazione ha portato il settore ad essere su dei minimi importanti

-La situazione di forte crisi di questi ultimi anni ha inoltre costretto le banche a tagliare molo sui costi e razionalizzare la rete,questo ha portato ad avere strutture molto piĂą efficienti e quindi ora sono pronte e forti per fare dei grandi numeri.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.