Lagarde: austerity, un lontano ricordo

Scritto il 22 Aprile, 2013 - 12:45 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1821 letture
Tag

Lagarde,dopo aver costretto in ginocchio mezza Europa, ora con grande eleganza afferma che troppa austerity non fa bene alle economie.

christine-lagarde

christine-lagarde

Il direttore del Fmi Lagarde,contribuisce ad aumentare il mio stupore di questi giorni,dopo la situazione italiana.Infatti la cara presidentessa Lagarde con una scioltezza quasi allarmante, dopo aver messo in ginocchio tutti i paesi dell’ Europa predicando che l’unica strada per uscire dalla crisi fosse il rigore di bilancio,oggi si rende conto che forse si era sbagliata.

Attenzione stiamo parlando del presidente del Fmi uno dei fondi più importante del mondo.Ora la sua analisi,abbiamo  a livello mondiale una ripresa a varie velocità Emergenti-Usa-Europa-Giappone.Il punto è semplice  a parte gli emeregenti che sono gli unici che camminano con le loro gambe nelle altre economie,si sono fatte politiche accomodanti quindi anche in Europa…ci sarà un taglio dei tassi di interesse,che è l’unica arma della Bce.

Forse la signora Lagarde causa troppe lampade,non si è resa conto che la politica monetaria accomodante non ha portato nessuna miglioria,basta pensare agli Usa che stanno stampando ormai da anni e le persone che non cercano più lavoro rappresentano il 30% della popolazione e sono in aumento.

A mio avviso c’è solo una certezza,ossia che esiste un piano ben definito, ad ogni livello politico,che è quello di ridurre in schiavitù i popoli,costringerli a pensare solamente alle difficoltà dei gironi presenti,il pagamento delle bollette,il mutuo,per  evitare che i cittadini possano progettare per loro e per le loro famiglie un futuro diverso.Molte volte non vorrei ne saper leggere ne scrivere,perchè a volte l’ignoranza fa meno male della verità.

 

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.