La Toyota lascia l’Australia

Scritto il 10 Febbraio, 2014 - 13:53 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1973 letture
Tag

La Toyota lascia l’Australia.Altro duro colpo per l’Australia,che vede la chiusura dell’ultimo stabilimento produttivo automobilistico sul suo territorio.

Goodbye

Goodbye

Purtroppo l’Austarlia come già vi dico da tempo sta avendo grossi problemi legati alla sua economia.Oggi si iniziano a vedere anche problemi differenti rispetto al passato,non solo legati alla svalutazione delle materie prime,non solo al rallentamenteno della Cina,ma anche dovuti a fattori strutturali quali l’altop costo della manodopera.

Nel lungo tempo l’Australia avrà sicuramente dei contraccolpi sul mercato occupazionale,dovuti all’elevato costo della manodopera che costringe le aziende che fanno produzione in mercati altamente concorrrenziali,ma con basso valore aggiunto,giustamente ad allontanarsi dal paese australiano.Ora bisognerà vedere se sarà sufficiente per il governo australiano gestire il tutto semplicemente con una moderazione dei flussi migratori,ossia facendo arrivare sul territorio meno persone di quelle necessari,oppure sarà necessaria qualche politica differente.

Dal Sole 24 ore:

Alti costi di produzione, valuta troppo forte, mercato interno sempre più competitivo e con produzione complessiva di autoveicoli in picchiata. Per queste ragioni Toyota ha deciso di cessare la produzione di veicoli e di motori in Australia, dopo 50 anni di presenza manifatturiera. E’ un duro colpo per il Paese e per il governo conservatore del premier Tony Abbott, dopo che l’anno scorso anche General Motors e Ford avevano annunciato l’addio alla produzione locale. Non ci saranno più, quindi, case automobilistiche con attività manifatturiere locali.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.