Italia, come il Sud America, la terza guerra mondiale è esplosa

Scritto il 17 Febbraio, 2016 - 8:57 da Fabio Troglia
Pubblicato in
4664 letture

Italia, come il Sud America, la terza guerra mondiale è esplosa. Oggi voglio fare uno spaccato molto serio su alcuni temi che ho notato, che ti devono riguardare.

terza guerra mondiale

Molti pensano che la guerra oggi sia fatta con i missili, ma non è così. Tutte le guerre nella storia sono state fatte per il potere, oggi tutti sono consci che una guerra di terra, significherebbe la cancellazione del pianeta e quindi le armi nucleari sono nel gioco del potere ,un elemento di ricatto di paura, ma la vera guerra si gioca con l’economia con le leggi.

Ma partiamo subito dai fatti concreti:

-Molti paesi, hanno richiesto il rimpatrio del loro Oro. Come mai? Si attendono che in caso di grossa tempesta, le regole non verranno più rispettate e quindi è bene avere i propri beni a portata.Casualmente l’oro in questi ultimi mesi sta salendo molto velocemente.

-Negli ultimi mesi si è lottato con una decisione ferrea per introdurre la legge, secondo cui i cittadini sono soci delle banche. Subito dopo vedi in , ma non sarà la sola, molti istituiti sono falliti.

-Stiamo vivendo un lotta furibonda per la lotta al contante, obiettivo eliminarlo in nome della corruzione. Di eri la notizia che anche in Usa vorrebbero eliminare la banconota da 100 dollari. Ma se la reale ragione fosse, che in caso di panico sarebbe bene che nessuno potesse prelevare?

-Le banche centrali pompano denaro, ma ne  i cambi ne i listini azionari reagiscono in maniera adeguata, perché dopo i recenti annunci sia le valute che gli indici, si trovano a un valore inferiore rispetto al momento pre annuncio.

Io ho la mia idea che è prettamente personale, ma sulla base di questa mi sono organizzato, perché come diceva un personaggio politico italiano..“a pensar male non si fa mai peccato”. La mia sensazione che qualcosa di grosso stia per scoppiare, o qualche cosa che abbiamo sotto gli occhi ma che al momento non ci sembra cosi grave, o qualche aspetto ancora non noto. La mia sensazione mi porta sempre a pensare agli Usa…ma poi ovviamente questo avrebbe conseguente devastanti anche per l’Europa e per il mondo.

Una delle cose che mi aspetto si verificherà in Europa, sarà in caso di crisi, la misura del blocco dei capitali per evitare fughe di denaro verso altri paesi, per poi continuare nella strada già intrapresa di impoverimento dei cittadini con manovre e norme sempre più forti. La mia sensazione che molti vedendo oggi la situazione, il mondo in cui vivono, credano che peggio non si possa andare, mi riferisco agli italiani in particolare, ma invece è possibile, che la situazione possa diventare ben peggiore rispetto a quella attuale. Il sistema sta andando a fronte ad una fase in cui saranno necessari molti fallimenti, di modo che ci sano aggregazioni in grado da creare un nuovo equilibrio, con il potere ancor più nelle mani di pochi e far uscire dal mercato chi non è stato lungimirante.

In Italia l’obbiettivo è sempre lo stesso, andare verso la Sud americanizzazione, basata sul furto dei risparmi dei cittadini, eliminazione dei diritti, importazione di popolazione di basso livello da paesi in grossa difficoltà. Molti coloro che se ne sono andati, ma ancora troppi quelli che credono che alla fine tutto si risolverà e ahimè perderanno la loro libertà come persone e i loro risparmi. Credo che alla fine sia una selezione naturale giusta, le avvisaglie i moniti ci sono stati, se una persona per pigrizia ha deciso di non ascoltarli dovrà poi prendersene le conseguenze.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.