La Fed, ha in mente una nuova droga

Scritto il 23 Settembre, 2015 - 16:52 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2031 letture
Tag

La Fed, ha in mente una nuova droga.Oggi vorrei approfondire un tema di cui in futuro si parlerà molto, ossia il nuovo stimolo che sta preparando al Federal Reserve.

Fed

Fed

Per investire oggi sui mercati finanziari, bisogna studiare e seguire attentamente il lavoro delle banche centrali.La mia sensazione personale, che tutto il sistema ormai si regga solo su queste basi, non ci sia nulla o quasi di reale, ma questi sono i mercati di oggi, quindi pensare di operare seguendo delle logiche diverse non avrebbe senso.

Dopo la recente riunione della Fed è risultato abbastanza evidente a tutti che la Fed non alzerà i tassi di interesse, ma anzi adotterà nuovamente misure non convenzionali.I più critici asseriscono che tali manovre ossia il classico Quantitative easing non avrà più nessun risultato.

Io cosa ne penso?

Che è assolutamente vero, ma tu credi che non lo sappiano anche alla Fed? Infatti nella riunione, loro hanno parlato di nuovi Tools, non hanno parlato di Qe. La mia sensazione che in questi mesi la Fed si studierà qualche altra misura di stimolo non convenzionale che sarà probabilmente da apripista poi per altri governi.

La sensazione rimane sempre la stessa, oggi e nel prossimo futuro le borse mondiali si muoveranno solo grazie a stimoli continui e sempre più creativi, ma nessuno ha alcuna intenzione di entrare nel vivo del problema affrontando i temi veri, quali la disoccupazione, il ribilanciamento della ricchezza a livello globale.

Il mio consiglio, anche da quello che vedo sui mercati è quello di non esagerare con gli short, perché le banche centrali stanno facendo a gara ad inondare il mondo di liquidità e scommettere in borsa, sull’idea di un loro fallimento e come cercare i cubetti di ghiaccio nel deserto.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.