La droga cinese sarà buona? Tu la provi?

Scritto il 26 Agosto, 2015 - 6:10 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1714 letture
Tag

La droga cinese sarà buona? Tu la provi? Ieri arriva una serie di misure da parte del governo cinese, vediamole insieme e capiamo il loro effetto.

droga cinese

droga cinese

La banca centrale cinese ha varato una serie di misure espansive, tagliando il coefficiente di riserva per le banche e i tassi su depositi e prestiti a un anno, nell’intento di contrastare la decisa frenata dell’economia e il crollo dell’azionario, che rischiano di avere effetti di portata mondiale.

Dopo essere rimasta inerte nel fine settimana, Pboc (People’s Bank of China) ha dunque risposto alle forti turbolenze vissute nelle ultime due sedute dall’azionario cinese, che ha chiuso con un calo del 7%, dopo -8% di ieri.

L’istituto centrale ha abbassato per la quinta volta da novembre il tasso sui prestiti a un anno, riducendolo di 25 punti base al 4,6%, con effetto dal 26 agosto.

Sforbiciata di pari entità per il tasso annuo sui depositi mentre è stato eliminato il tetto sui depositi con scadenza supoeriore a un anno.

Contemporaneamente è stato abbassato di 50 punti base al 18% il coefficiente di riserva obbligatoria per le banche principali, con effetto dal 6 settembre. Si tratta del secondo taglio in due mesi.

Questo significa due cose:

-La Cina dichiara di essere in crisi, questo la prima news che non è piaciuta ai mercati in questi ultimi periodi.

-Il governo cinese ha adottato forti manovre espansive, quindi ha messo in campo la sua pozione magica.

A mio avvio questo è l’ennesimo fattore esogeno, che muta lo scenario, portando positività almeno nei proissimi mesi sul mercato, perchè con una banca centrale così aggressiva chi gli andrà contro?

 

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.