La Cina ha fame di feta

Scritto il 10 Luglio, 2013 - 10:07 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1960 letture
Tag

La Cina ha fame di feta,come sappiamo la Cina sempre nel silenzio, sfrutta tutte le occasioni di disagio di difficoltà per infiltrarsi nelle economie locali e colonizzarle,come è giusto che sia.Il più forte mangia il più debole.

La Cina ha voglia di Feta

La Cina ha voglia di Feta

Facciamo un breve intro,per capire come funziona oggi il mondo dell’economia mondiale,quali sono le dinamiche che la muovono.Io imprenditore ho una necesità, espandere il mio business,questa necessità moltiplicata per molti imprenditori determina grandi inetressi,si determinano quali potrebbero essere gli obiettivi e si pianifica un modo per averli.

Quello che interessa di una nazione sono una serie di cose:

Infrastrutture

Energia

Sanità

Banche

Istruzione

Questi sono i settori che interessano,perchè senza i quali una nazione non può funzionare.Quindi primo obiettivo metto in ginocchio la nazione di modo che sia costretta per cassa a svendere o meglio a privatizzzare tutto, e il gioco è fatto.

Ora abbiamo un accordo tra  la società di logistica marittima Cosco che vuole effettuare investimenti per 224 milioni di euro nel porto di Atene.Obiettivo è quello di renderlo uno dei porti più importanti del Mediterrane, e con i giusti investimenti,vista la perfetta localizzazione non penso sarà difficile.Questo investimento in Grecia porterà 500 nuovi posti di lavoro,più altri 200 per i tre anni necessari alla costruzione dell’impianto.

Il presidente Samaras e il presidente dela società Cosco Wei Tziafou sono diventati molto amici e con buona probabilità a breve si parlerà della privatizzazione delle ferrovie..Samaras, verrà ricordato come l’uomo delle privatizzazione,i media parleranno della salvezza della Grecia,i cittadini grechi della loro sottomissione alla schivitù cinese e Samaras si godrà le laute sovvenzioni che sta ricevendo, in cambio per queste “collaborazioni” in qualche paradiso caraibico.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.