Italia: il fisco va nella direzione giusta

Scritto il 22 Aprile, 2015 - 7:38 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3966 letture
Tag

Italia: il fisco va nella direzione giusta.Finalmente leggo una news che va nella direzione corretta,nella lotta all’evasione.

Fisco

Fisco

 

Oggi leggo come tutte le mattine un po di news e ne leggo una in particolare.Mi chiedo se sia stata fatta in e con stupore, mi rendo conto che non sto sognando.L’abolizione della carta a favore dell’elettronica è certamente la soluzione più semplice per combattere l’evasione di primo livello, ossia quella più piccola in termini di importi,ma quella più diffusa.Ritengo sai un bel passo avanti,speriamo ora che l’attuazione reale si immediata e veloce.

 

Fonte Ansa:

Addio allo scontrino a fini fiscali ma resta comunque l’obbligo della fattura su richiesta del cliente, necessaria ad esempio per la garanzia o comunque per dimostrare un acquisto. E’ quanto prevede uno dei decreti legislativi in materia fiscale approvato dal Consiglio dei Ministri. Il decreto prevede che “per tutti i soggetti che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi (essenzialmente il settore del commercio) e’ prevista la facolta’ di trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi, in sostituzione degli obblighi di registrazione. L’opzione ha effetto per cinque anni e si estende di quinquennio in quinquennio. In sostanza si tratta del superamento dello scontrino a fini fiscali. Resta comunque fermo l’obbligo di emissione della fattura su richiesta del cliente (necessaria ad esempio per attivare una garanzia, o per dimostrare un avvenuto acquisto)”. “Per i gestori dei distributori automatici la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati e’ obbligatoria. Per i soggetti che scelgono di avvalersi della fatturazione elettronica vengono meno gli obblighi di comunicazione relativi al cosiddetto ‘spesometro’ e alle ‘black lists’. Inoltre, beneficiano di rimborsi Iva piu’ veloci”.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.