Ism indica recessione,le borse devono salire

Scritto il 3 Giugno, 2013 - 22:14 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1720 letture
Tag

Ism indica recessione,le borse devono salire.Ism manifatturiero come avvenuto per la Cina è sceso otto la quota di 50 quindi abbiamo la conferma che l’economia mondiale è in recessione,perchè sia la prima, che la seconda, che la terza economia al mondo sono in contrazione.

Ism finzione

Ism finzione

Ecco il dato di Reuters:

Nel mese di maggio l’indice Ism relativo il settore manifatturiero si è attestato a 49 punti. Dopo i 50,7 punti precedenti gli analisti avevano previsto un dato pari a 51 punti.

Quindi nella nuova logica del Droga market,ogni brutta notizia  deve essere vista positivamente dai mercati,che vedono impossibile per la Fed allentare la presa.Da l punto di vista pratico, vediamo la conferma di tale idea oltre che sugli indici azionari anche sul più affidabile mercato Forex,dove vediamo nuovamente crolli del dollaro un po verso tutti i cross principali.Quindi nel brevissimo sembrano possibili ancora dei giri mordi e fuggi long,in ottica di stock picking.

Ora invece vi propongo una riflessione che esula un po dall’immediato sui mercati.Quando, nonostante gli stimoli finanziari della Fed, l’economia crollerà a tal punto che sarà palese che i soli stimoli  finanziari non sono suffcienti..allora che la Fed e le banche centrali non avranno più armi,chi riuscirà a fermare un eventuale discesa dei listini?Questa è una realtà, a cui i governi oggi non pensano,oppureconsci del problema si parano gli occhi,ma prima o dopo questo problema ci sarà in maniera matematica e quindi, solo coloro che avranno capito oggi, la gravità della situazione, avranno un piano per gli altri sarà un terremoto che farà selezioni fra molti traders e investitori.Si è ormai costruita una delle più grandi bolle della storia della finanza.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.