Investire in biotech: orientamento conservativo nel 2016

Scritto il 8 Gennaio, 2016 - 14:00 da Dominosolutions.it

Investire in biotech: orientamento conservativo nel 2016. Vediamo quali sono le aziende più interessanti del settore e le loro propsettive di crescita.

Biotech

Biotech

Secondo Joshua Schimmer e il suo team della Piper Jaffray, non ci sarà
da aspettarsi grandi exploit dalla maggior parte delle aziende
biotecnologiche, ma neanche grossi problemi.

Lasciatosi alle spalle il 2015, che molti vorrebbero dimenticare,
concentriamoci sulle prospettive delle aziende di grossa
capitalizzazione biotech per il 2016. Alcuni fattori aziendali specifici
nonché macro, stanno incidendo sulle stime degli analisti per il 2016 e
porteranno con molta probabilità a delle previsioni conservatrici. La
prima ad aver iniziato è Amgen (AMGN) e crediamo che la maggior
parte delle altre aziende seguiranno la linea tracciata, anche se Celgene
(CELG)
tende ad essere più aggressiva dei suoi competitor e potrebbe
essere il nome del riscatto a Gennaio. Pensiamo che, nonostante tutto,
l’industria in generale sia in grado di resistere alle sfide che l’attendono
fornendo rialzi nel corso dell’anno.

Previsioni in linea con gli analisti per il 2016, eccezion fatta per
Celgene e forse Gilead (GILD). Le stime di crescita per le
aziende di grossa capitalizazione del biotech riflettono turbolenze e riteniamo che
molte di loro diano delle stime allo stesso modo conservative. Dicevamo
dell’eccezione Celgene, che con l’approvazione del brevetto per il
Revlimid alla fine del 2015, predispone la società a mantenere le sue
forti previsioni di entrate ed Eps.

Attualmente i nomi di BioPharmaceutici in crescita (EPS CAGR > 20%) sono
leggermente al di sotto di quelli non Biopharma della media del 2015 e
alla pari per il 2016. Questo divario era stato più ampio a favore delle
aziende Biopharmaceutiche fino a poco tempo fa, ma le stime di crescita
combinate con qualche espansione dei multipli per Celgene e Alexion
Pharmaceuticals (ALXN), hanno ridotto questo divario.

Investire in azioni biotech: orientamento conservativo nel 2016, Celgene, Amgen, Gilead, Pfizer, migliori azioni 2016

Nonostante i venti contrari, i fondamentali appaiono ancora forti.
L’innovazione in questo settore rimane robusta e il potenziale di
crescita nel lungo termine sembra ancora molto forte, attraverso una
combinazione di organici e di spinte per fusioni e acquisizioni. Il
frastuono politico sui prezzi dei farmaci rimane una preoccupazione che
potrebbe pesare sul settore quest’anno e prevenire significative
espansioni dei multipli
. Per cui, preferiamo le aziende con una
crescita forte sia dell’EPS, in grado di alimentare multipli in
compressione (Alexion Pharmaceuticals, Celgene e Amgen) o nomi con buone
prospettive per l’espansione dei multipli. Forti catalizzatori ad una
maggior espansione del gruppo sarebbero acquisizioni per Gilead Sciences
o una linea di prodotti di grande successo per Biogen (BIIB), anche se
siamo scettici sulle prospettive di questi ultimi.

Dominosolutions.it

Domino Solutions è una società di analisi finanziaria indipendente con clienti in 7 paesi diversi. E' nata circa 11 anni fa, i suoi analisti sono laureati in economia e commercio in vari settori, dalla finanza aziendale a quella dei mercati globali. I nostri spaziano dall'aggressivo americano, al difensivo europeo, titoli italiani, ETF, CFD su azioni, valute, materie prime e indici. L'ottica temporale va dall'intraday fino ad un massimo di 24 mesi in base allo strumento. Scrive per varie testate giornalistiche, Investing.com, Trend-online.com, Yahoo finance e il Sole 24 Ore. I suoi punti di forza sono l'analisi fondamentale dei bilanci societari fino alla costruzione di algoritmi tecnici capaci di anticipare le inversioni di trend. Il sito italiano è http://www.dominosolutions.it