Intesa San Paolo, rottura vicina?

Scritto il 15 Settembre, 2013 - 8:00 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
2066 letture
Tag

Intesa San Paolo, rottura della soglia 1,65/1,66 vicina?

 

Andando ad analizzare questo titolo in un ottica di lungo periodo, servendoci quindi di candele settimanali in un arco temporale abbastanza ampio, possiamo notare come, dopo anni di correzione, abbia tutte le carte in regola per rompere a rialzo la soglia di 1,65/1,66 Euro.

 

Si tratta di una soglia importante, consolidata abbondantemente in passato, come in figura:

intesa chart

Tuttavia, sebbene la rottura a rialzo la ritenga molto probabile, è altrettanto probabile che non avvenga subito nella fase in essere. Dopo il trend rialzista in essere è probabile assistere ad una nuova fase di accumulazione: fase laterale o laterale/ribassista.

intesa lines

Considerando quindi un grafico come il precedente, visto l’andamento dell’oscillatore RSI14 e del MACD è possibile attendersi un ritracciamento verso quota 1,48/1,50 Euro, fase in cui entrare rialzisti può risultare appropriato. Si tratta anch’essa di una soglia importante che può essere raggiunta entro fine mese.

 

A quel punto allora sarà possibile andare a sfruttare il movimento rialzista che potrebbe spingere le quotazioni del titolo a quota 1,9/2,00 Euro.

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.