Inflazione giapponese, Tokyo -2.97%

Scritto il 26 Luglio, 2013 - 9:33 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3060 letture
Tag

Inflazione giapponese, Tokyo -2.97% .Cerchaimo di fare insieme una breve ricapitolazione per capire,quale sia la reale situazione del Giappone è perchè l’inflazione giapponese spaventa i mercati.

Inflazione giapponese

Inflazione giapponese

Ecco una dichiarazione tratta da Reuters:

Tornano a salire i prezzi al consumo in Giappone, per la prima volta da oltre un anno: un segnale positivo per il governo del premier Shinzo Abe e per la Banca del Giappone, impegnati in un’aggressiva battaglia contro la deflazione in cui da ormai 15 anni è imprigionato il paese. L’indice Cpi ‘core’ giapponese è salito dello 0,4% annuo in giugno, principalmente a seguito dei rialzi dei prezzi di elettricità e carburanti, dopo il dato piatto di maggio; le attese erano per un incremento dello 0,3%. Il dato relativo all’area di Tokyo – che guarda sempre un mese avanti rispetto a quello nazionale – indica un incremento del Cpi ‘core’ di luglio dello 0,3% tendenziale, in linea con le attese, dopo il +0,2% di giugno. C’è tuttavia cautela tra gli economisti, di fronte ad un ritorno alla crescita dei prezzi alimentato quasi esclusivamente dalla componente energetica: la politica dello yen debole ha reso più costose le importazioni di greggio, mentre il paese ha recentemente chiuso gran parte delle sue centrali nucleari. Il dato di oggi “non dovrebbe essere preso come particolarmente positivo” spiega l’economista di Mizuho Research Institute Yasuo Yamamoto. “C’è scetticismo sulle prospettive di una stabile ripresa dell’inflazione, con un settore servizi che ancora fatica a trasferire i costi ai consumatori finali a causa di un persistente gap di produzione.

L’inflazione giapponese sale e la borsa di Tokyo crolla oggi del 2.97% perchè? Semplice, perchè le misure di Abe di stimolo dell’economia danno già i primi risultati concreti e quindi, ora il mercato teme che la politica esapnsiva del primo ministro giapponese sia la termine o che comunque non venga implementata.Stiamo andando nella direzione della politica della Fed, ossia di una riduzione globale della liquidità e questo porterà grossi scossoni alla piazze finanziarie.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.