Il mercato ha le idee chiare, le banche centrali no.

Scritto il 17 Marzo, 2016 - 6:44 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2215 letture
Tag

Il mercato ha le idee chiare, le banche centrali no. In questo post analizzeremo le reazioni che noto sul mercato reale, alle parole e alle azioni della banche centrali.

Banche centrali

Banche centrali

Partiamo da dei fatto storici concreti per capire:

-La Bce, la scorsa settimana ha aumentato la sua politica espansiva in maniera importante, ricorrendo a misure di varia natura. Una degli obiettivi della stessa, sarebbe di far svalutare l’Euro. Abbiamo Euro Dollaro che si avvicina a nuovi massimi e non è solo debolezza dollaro, perché situazioni analoghe le vediamo anche su altri cross. La motivazione a mio avviso, perché è una operazione che sto facendo anche io con il mio portafoglio, riduco la leva in euro, ossia riduco il mio indebitamento perché noto che la situazione sia troppo tesa sulle piazze finanziarie.

-Alcuni giorni fa, anche la banca del Giappone ha deciso di mantenere inalterata la sua politica di easing, ma ormai lo Yen non reagisce più, anzi tende di medio a rafforzarsi non a indebolirsi.

Quindi il mercato, gli investitori hanno dichiarato con i numeri, che non credono assolutamente nelle politiche espansive attuate dalle banche centrali. Ora secondo me ieri la Fed ha fatto un grandissimo errore a non alzare i tassi, perché ha mostrato debolezza ed è andata verso la direzione delle altre banche centrali, che oggi stanno fallendo e quindi credo che il mercato la punirà severamente. Infatti la Fed avendo poi le elezioni presidenziali, non farà più nessun aumento dei tassi, ma tenderà ad avere una politica sempre più accomodante.

Io credo che andremo a fronte a un problema gravissimo se questa mia tesi verrà confermata, perché più passerà il tempo e più la Fed sarà accomodante e più i mercati scenderanno, e se questo dovesse accadere la Fed andrà ancora più veloce, senza rendersi conto che invece di aiutare i mercati contribuirà ad affossarli ancora di più.

Io temo che oggi ci troviamo di fronte a un organismo stufo di droga, che reagisce peggio quando la prende che quando va verso una depurazione. Osserviamo questo fenomeno, se ci sarà, allora avremo la consapevolezza di quello che sta accadendo.

Tradotto in numeri precisi, io sono un trader, questa ipotesi sarà valida se vedremo entro Giugno un prezzo di Sp500 sotto i 1800 allora avremo un avvitamento mortale.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.