Gbp-Yen, la conferma del supporto con un segnale di trading long

Scritto il 16 Settembre, 2013 - 21:17 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1497 letture

Gbp-Yen, fra le varie coppie con lo Yen è l’unica (oltre a Nzd-Yen) che riesce a mantenersi sopra i massimi relativi. Un ritest del supporto con set up long potrebbe essere comprato.

Gbp-Yen: il prezzo ha rotto la scorsa settimana la resistenza 156,80 e riesce a mantenersi stabilmente sopra 157 grazie alla forza della sterlina in questo periodo. Anche il grafico settimanale è rialzista e sopra la media per cui suggerirei al momento di valutare solo posizioni long.
La situazione, in generale, dello Yen è comunque piuttosto instabile quindi valuterei entrate in acquisto solo su chiaro segnale long nell’area di supporto 156,80 (con il supporto dinamico anche della media mobile 21) considerando come possibile primo target la successiva resistenza 159,50.
gbpyen 16

Finestra macroeconomica

Oggi è stato comunicato il tanto atteso report dell’Onu sulle armi chimiche in Siria anche se il conflitto bellico (con l’accordo Usa-Russia e la “benedizione internazionale”) pare essere scongiurato.
Il dato più importante della settimana sarà il meeting del Fomc di mercoledi prossimo con il quale conosceremo i verbali dell’ultima riunione tassi della Fed ed i possibili orientamenti sul dollaro americano.
La giornata di oggi è stata caratterizzata dal dato sull’inflazione in Europa (tutto confermato all’ 1,3%) e da quelli relativi alla produzione industriale e manifatturiera negli Stati Uniti (in crescita rispetto alla rilevazione anteriore e, quest’ultima, anche rispetto alle attese).
I mercati azionari continuano il movimento rialzista di fine settimana incentivato dall’abbandono alla corsa di capo della Fed da parte di Larry Summers. Quest’ultimo, già consigliere di Obama, è infatti considerato fra i principali economisti favorevoli ad una accelerazione nella riduzione del quantitative easing, a differenza della principale rivale Janet Yellen (vice di Bernanke) che sarebbe più propensa ad una continuazione dell’attuale politica espansiva.
Nel mercato Forex evidenziamo oggi un gap ribassista in apertura per il dollar index (poi parzialmente recuperato), una continuazione della forza della sterlina e del kiwi, una forte discesa del petrolio WTI.
Il calendario economico di domani ci mostrerà il Minute della Reserve Bank of Australia, l’inflazione inglese e americana e l’abituale appuntamento mensile con l’indice tedesco Zew sulla fiducia.
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.