Gbp Yen, chi è il più forte?

Scritto il 16 Marzo, 2015 - 8:30 da Filippo Pozzebon
Pubblicato in
1538 letture
Tag

Gbp Yen, chi è il più forte? Il mercato Forex è fatto da forze a confronto,capire questo equilibrio ti permette di fare profitto.

GBPJPY

GBPJPY

GBP YEN: in questo periodo, nel mercato Forex, si parla soprattutto della forza del dollaro americano nei confronti delle altre valute. Lo YEN però si sta muovendo in maniera analoga al dollaro americano da ben 4 mesi: USD/YEN a dicembre 2014 scambiava a 121,8 e in questo momento quota esattamente allo stesso prezzo circa: ma perchè si parla solamente della forza del dollaro americano, qualcuno vuole distoglierci dalle vere opportunità che si stanno creando?

Il ciclo rialzista del dollaro americano infatti, potrebbe essere vicino ad una conclusione, mentro lo YEN potrebbe correggere il ciclo partito nel 2012. Analizziamo nel dettaglio il cross GBP YEN:
Da area 190, massimo fatto segnare a dicembre 2014, il cross ha registrato una reazione molto interessante scendendo in 5 onde e trovando una base di supporto in area 175.
Una discesa dai massimi in 5 onde ci indica, che il trend primario, probabilmente necessita di un altra correzione prima di ripartire nuovamente al rialzo. Da area 185, infatti sono ripartite le vendite avvalorando l’ipotesi di una correzione più ampia all’orizzonte. Come comportarsi su questo cross e quali sono i target dello storno?

I target ideale del movimento è area 170, dove si incontra il primo ritracciamento di fibonacci del trend primario mentre lo stop loss dell’operazione si trova sul massimo a 185: solo un ritorno sopra questo livello concluderà la fase ribassista su questo cross.
Chi sono
Filippo Pozzebon

Sono un trader indipendente, lavoro nel mercato Forex commodities e azionario adottando strategie di trading discrezionale abbinate ad expert advisor di mia creazione e tecniche di spread trading. Laureato in Statistica e Informatica nel 2007 ho maturato un esperienza come dipendente bancario prima di dedicarmi a tempo pieno al trading. Le mie decisioni di trading partono dall'analisi tecnica dello strumento alla quale abbino sempre un'analisi intermarket delle variabili presenti nel mercato e un'analisi fondamentale dello scenario macroeconomico. Per approdondire le mie analisi : visita il sito: https://filipozze.wordpress.com/