Ftse-Mib, quali gli elementi di debolezza?

Scritto il 28 Aprile, 2013 - 9:59 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
2551 letture
Tag

Ftse-Mib Candlestick orarie, time 3 mesi

Dopo la fase ribassista del Ftse-Mib iniziata a fine Gennaio canalizzata a ribasso su un minimo a 15’060 EUR, abbiamo assistito alla rottura a rialzo della resistenza del canale in un trend rialzista contestualizzabile essenzialmente dal 17 Aprile ad oggi. Nell’immagine in evidenza il trend, il breakout a rialzo e i segnali sugli oscillatori.

trend ribassista ftse mib

Andiamo a considerare i livelli di supporto e resistenza di Fibonacci costruiti sull’intero trend ribassista fino al breakout:

fibonacci 1 trend ribassista

 

fibonacci test trend ribassista

Per ottenere ulteriori punti di Swing possiamo anche considerare i livelli di fibonacci costruiti sul nuovo trend rialzista dopo il breakout:

Fibonacci 2 trand rialzista

Notiamo ora molti punti di debolezza proprio a chiusura di settimana:

  • Per prima cosa una rottura a ribasso del canale rialzista, dopo il doppio massimo,
  • Una fase di lateralizzazione successiva con tendenza rialzista
  • Una chiarissima divergenza negativa sui livelli di massimo e sull’RSI14
  • Una divergenza di trend tra l’ultima fase rialzista (ultime 10 candele circa) e RSI14
  • Divergenza di trend anche sul MACD Dopo un crossover sui massimi.
  • Lontananza significativa dalla media mobile esponenziale a 200 periodi.

 

A questo punto le domande da porsi sono sull’effettiva forza di trend. Dopo aver rotto a ribasso il canale rialzista abbiamo assistito al rimbalzo del livello 50% di fibonacci senza tuttavia arrivare a testare nuovamente il massimo.

elementi debolezza ftse mib

Interessanti i segnali sui grafici Renko e Kagi

renko kagi ftse mib

Possibile operatività ribassista:

Possibile entrata short alla rottura dei due minimi delle candele precedenti, sulla media mobile a 25 periodi, e sul livello 50% di Fibonacci (nero)a 16’527Eur con primo target 16’290 Eur su cui si ha la possibilità di un rimbalzo e su cui alleggerire la posizione, e secondo target a 16’151 Eur, livello in cui potrebbe rimbalzare sull’EMA200.

operatività short

Una possibile configurazione short di medio-breve termine

 

Nota: niente di quanto pubblicato deve essere inteso come un un invito o un consiglio ad eseguire operazioni suggerite nelle analisi effettuate.

 

___

Lorenzo Zardi

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.