Azioni Unicredit: hanno perso il 58% del loro valore di borsa in 6 mesi

Scritto il 25 Giugno, 2016 - 13:36 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3392 letture
Tag

 Azioni Unicredit hanno perso il 58% del loro valore di borsa. Dopo Brexit, abbiamo avuto un calo del 12.48% per il listino milanese, ma la discesa è finita?

Azioni Unicredit

Azioni Unicredit

Avendo visto la reazione della borsa milanese, il concetto è abbastanza chiaro e forse a molti sfugge. Il problema che la Gran Bretagna esca dell’Europa, certamente non implica nessun problema per Unicredit o , ma l’idea che altri paesi possano fare la stessa scelta, sta nuovamente minando la solidità dell’Europa intera.Oggi però si ha un problema reale pratico molto grave che si chiama Unicredit e sistema bancario italiano. A che cosa mi riferisco?

Guarda questo grafico….le azioni Unicredit hanno perso da Inizio anno il 58% del suo valore di capitalizzazione. Farà un altro aumento di capitale? E’ chi lo pagherà? Se i titoli di stato italiano come accaduto Venerdì, continueranno a perdere Unicredit sarà costretta a vendere Btp italiani sul mercato, a ruota lo faranno tutte le banche , allora tutta i titoli di debito dell’Europa andranno in difficoltà e la Bce non c’è la far tacconare il sistema.

Siamo di fronte a un rischio sistemico, il cui detonatore è stato il Brexit, questo oggi è il vero problema del risalutato elettorale di Venerdì, non l’evento di per se, ma quello che questo significa, l’effetto contagio.

La stessa cosa, me la ricordo successi ai tempi di Lehaman Brothers, tutti erano tranquilli perché dicevano io non ho molti bonds della banca, sono tranquillo, ma il suo fallimento diede inizio allo scoppio della bolla sui mutui Subprime.Qui invece questo evento a mio avviso rischia seriamente, il processo ha già avuto inizio, di far fallire lo schema creato dalle banche centrali e vien da se, che qui la situazione è ben più grave del passato.Infatti a quel tempo era fallita una banca e poi dietro vi erano le banche centrali per tamponare oggi chi interverrà?

Vi spingo a osservare i fatti reali come il grafico di Unicredit, sono davanti agli occhi di tutti..

Per queste ragioni il Ftse Mib in chiave di acquisto di lungo termine se non scoppia tutto, va osservato non prima dei 12000 mila punti e se ci saranno dei rimbalzi, se non ci sarà un nuovo fattore esogeno importante, in grado di cambiare l’attuale scenario, saranno solo da prendere come una pausa di una discesa disegnata.

FTSE MIB40 Index

FTSE MIB40 Index

 

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.