Ftse Mib, che cosa ti aspetti?

Scritto il 25 Agosto, 2014 - 11:52 da Filippo Pozzebon
Pubblicato in
2695 letture
Tag

Ftse Mib, che cosa ti aspetti? Facciamo il punto della situazione sul nostro indice di riferimento dopo un periodo particolarmente interessante per i mercati finanziari. Partiamo da un’analisi di lungo periodo per cercare un setup operativo di breve periodo.

FTSE MIB40 Full0914 Future

FTSE MIB40 Full0914 Future

Ftse Mib: Facciamo il punto della situazione sul nostro indice di riferimento dopo un periodo particolarmente interessante per i mercati finanziari. Partiamo da un’analisi di lungo periodo per cercare un setup operativo di breve periodo.

Il canale rialzista nel quale è inserito il nostro indice resta intatto nonostante lo scivolone degli ultimi mesi dovuto alle tensioni geopolitiche. Andando ad analizzare il trend partito a luglio 2012 si nota che, la base inferiore del canale rialzista, è servita da zona di accumulo nel periodo giugno – luglio 2013. Al momento stazioniamo proprio nella zona inferiore del canale che potrebbe fungere da spartiacque per il destino dell’indice italiano: un cedimento del supporto creatosi in area 18.850 18000 darebbe il via a nuovi bruschi scivoloni ribassisti, viceversa una tenuta del supporto, potrebbe fungere da base accumulativa per un’ultima gamba long; ipotesi che ritengo più probabile in seguito al movimento creato dai cicli rialzisti all’interno trend primario:
La prima onda rialzista del 2012 ha totalizzato 5.580 punti e ha ritracciato del 50 % di fibonacci: situazione molto diffusa nelle prime onde impulsive.
La terza onda rialzista del 2013 ha totalizzato 8.040 e il ritracciamento si è fermato sul 38.2 di fibonacci: situazione tipica di un’onda 3 più forte della prima: il rapporto tra le gambe rialziste è circa 1,618. in questi casi solitamente l’onda 5 ha una lunghezza teorica pari circa all’onda 1.
Di seguito il movimento che mi aspetto nelle prossime sedute per il Ftse mib:

FTSE MIB40 Full0914 Future daily

FTSE MIB40 Full0914 Future daily

Nel breve mi aspetto dunque una risalita in area 20.270 20.300 (zona di resistenza dinamica ed ex supporto), che dovrebbe respingere i prezzi in un primo momento, andando poi a testare il minimo in zona 18.850 18.800: una tenuta di questo livello potrebbe dare il via al quinto movimento impulsivo all’interno del canale rialzista.
Ultimo spunto di riflessione un’analisi intermarket delle variabile presenti nel mercato:
USD/YEN: lagging indicator per l’azionario: in deciso breakout rialzista con nuovi massimi nel mirino.
GOLD: bene rifugio in flessione con nuovi target ribassisti nel mirino.
VIX: indice della volatilità e della “paura” del mercato sotto il livello critico di 20 indica un ritracciamento dei mercati ma non uno storno vero e proprio.
Chi sono
Filippo Pozzebon

Sono un trader indipendente, lavoro nel mercato Forex commodities e azionario adottando strategie di trading discrezionale abbinate ad expert advisor di mia creazione e tecniche di spread trading. Laureato in Statistica e Informatica nel 2007 ho maturato un esperienza come dipendente bancario prima di dedicarmi a tempo pieno al trading. Le mie decisioni di trading partono dall'analisi tecnica dello strumento alla quale abbino sempre un'analisi intermarket delle variabili presenti nel mercato e un'analisi fondamentale dello scenario macroeconomico. Per approdondire le mie analisi : visita il sito: https://filipozze.wordpress.com/