Fallimento del mondo, morte dell’essere umano

Scritto il 24 Gennaio, 2014 - 18:26 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2696 letture
Tag

Fallimento del mondo, morte dell’essere umano.Oggi ci troviamo in questa fase, dove il fallimento del mondo sembra essere imminente,l’economia non funziona più,tutto deve finire è veramente così?

fallimento del mondo

fallimento del mondo

Leggendo un po sulla rete il fallimento del mondo sembra essere dietro le porte,ma cosa è cambiato da 1 mese fa? Poco, perchè la situazione era già critica,ma ora i media hanno deciso che per fare più visitatori, vari blog per vendere prodotti alternativi o loro servizi, spargono panico e sangue fra la gente.

Per mia natura io tendo ad essere abbastanza  distaccato, sia dall’euforia che dalla tragedia,in perfetto stile Zen,mi attengo ad osservare la realtà.Oggi per i media devono fallire: Venezuela,Argentina,Turchia,Brasile,fino a poco tempo fa c’era anche l’India.In Europa l’ è sempre facilmente nominabile ecc…

Nella realtà, ci sono solo degli accadimenti economici,dei flussi di denaro stra previsti, che comportano degli scompensi e delle tensioni sul mercato,che sono assolutamente normali.La tendenza però è sempre la stessa, fateci caso,facciamo un altro esempio: euro dollaro sale,il dollaro è fallito come valuta di riferimento,se il cross crolla si passa all’euro2.Cerchiamo di svegliarci e non perdere tempo dietro a queste chimere.

Il mercato a seguito della fine del Tapering, sta subendo un severo assestamento in termini di allocazione di risorse, che stanno o sono già uscite a mio avviso dai paesi emergenti,con relative svalutazioni di tutte le valute,non di una, si muovono tutte insieme,parlo delle valute presenti sul Forex.Quindi è un movimento normale, prevedibile che va visto come un opportunità non come un problema,ovvio con una corretta gestione del rischio.

Come ovvio che sia, se cominceranno a scendere anche i mercati finanziari, ed è normale tenuto conto i livelli a cui siamo arrivati,non siamo di fronte al fallimento del mondo,ma a movimenti finanziari normali,impariamo a non pensare con la paura,ma a ragionare per vedere l’opportunità.Impariamo a stare sereni e se ci saranno dei problemi reali a pensare a delle contro misure nella massima serenità.Tenete presente che quando ci sono delle tensioni, alla lunga intervengono di coordinamento le banche centrali e i governi e sistemano la situazione.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.