Eur-Yen, shortare il range?

Scritto il 29 Aprile, 2014 - 18:07 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1498 letture

Segnali Forex di Price Action
Eur-Yen, la fase di lateralità di breve periodo poteva essere violata al rialzo ma il prezzo disegna invece una falsa rottura con una price action ribassista.

Eur-Yen, come tutte le altre coppie con lo Yen, anche Eur-Yen evidenzia una situazione di breve e medio termine di accumulazione e lateralità appena sopra la media mobile nel time frame settimanale. Nelle ultime sedute abbiamo avuto un indebolimento dello Yen che ha spinto il cross sopra la zona di resistenza 142 e sopra la EMA21 anche nel grafico daily. Ci si poteva attendere un segnale di trading long, a conferma della rottura del precedente livello chiave, al fine di aprire una posizione in acquisto e rivedere Eur-Yen sulla zona di resistenza di breve  termine 143,50…invece il prezzo disegna una candela completamente opposta: una pin ribassista che potrebbe riportare il cross verso il supporto 100,20. Valutiamo quindi, a fine seduta, un possibile set up di trading short per un movimento in range.
euryen29

Calendario Forex
Tra le principali notizie macro di oggi possiamo ricordare in Nuova Zelanda il dato sulla bilancia commerciale (in rialzo); nel Regno Unito il prodotto interno lordo è risultato inferiore alle attese con un +0,8%; in Germania l’inflazione è scesa oltre le previsioni (indebolendo l’euro); dalla zona euro due dati contrastanti con la fiducia dei consumatori in leggera ripresa ma quella sull’economia in discesa e sotto le attese; fiducia dei consumatori rilasciata anche negli Stati Uniti dove è risultata in calo rispetto alle attese.
Come anticipato ieri, la borsa azionaria giapponese è rimasta chiusa per festività; i mercati azionari europei hanno invece avviato le negoziazioni in netto rialzo chiudendo poi sulla stessa lunghezza d’nda. Positiva anche la prima parte di seduta di Wall Street che ritorna sui massimi storici.
Il calendario economico ci mostrerà domani molti dati importanti dal Giappone come la produzione industriale, manifatturiera ed in particolare la riunione della Bank of Japan per scegliere le proprie linee guida di politica monetaria. Ricordiamo inoltre i dati sul mercato del lavoro tedesco; il prodotto interno lordo in Canada e negli Stati Uniti e, sempre dagli States, le vendite al dettaglio, l’indice Chicago PMI, i consumi individuali e l’attesa riunione di politica monetaria della Federal reserve con la decisione di Janet Yellen in merito all’ulteriore taglio sull’ acquisto di bond governativi.
www.mauriforex.com
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.