Eur-Usd, situazione ancora incerta!

Scritto il 19 Novembre, 2013 - 20:39 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1777 letture

Eur-Usd, quello che doveva essere un movimento di sola correzione inizia ad essere un rimbalzo troppo forte che rende la situazione “da confermare”.

Eur-Usd: dopo la rottura ribassista della trendline bearish di medio periodo, stavo attendendo un pullback tecnico sull’area statica e dinamica 1,3470/1,35 per trovare uno dei miei segnali di trading short ed entrare in vendita. In realtà la continuazione ribassista non si è ancora verificata ma, al contrario, il prezzo si appresta a chiudere sopra il livello 1,35 ritornando di poco sopra la media mobile nel grafico daily. A questo punto, considerando anche l’importante riunione della Fed di domani, preferisco attendere un segnale di price action che mi confermi una forza ribassista sul livello 1,3420 oppure una forza rialzista sull’area 1,3620, in modo da avere una direzionalità più chiara.
Eurusd19

Finestra macroeconomica

Il minute che abbiamo ricevuto nella notte dalla banca centrale australiana ha evidenziato una situazione economica in miglioramento (attesa sopra la media nel 2014), frutto dell’attuale politica espansiva adottata negli ultimi due anni. Tale politica continuerà che facilitare la crescita e per non agevolare l’apprezzamento del dollaro australiano che, pur al di sotto dei massimi di inizio anno, è considerato comunque sopravalutato.
Nella mattinata abbiamo ricevuto anche il consueto dato tedesco dell’indice ZEW sulla fiducia economico che è risultato essere al di sopra delle attese al 50.6 senza però generare i consueto movimenti rialzisti nell’azionario europeo.
Gli indici azionari infatti chiudono una seduta negativa con peggiori performances per Milano, Parigi e Madrid; deboli anche le borse americane.
Il Forex evidenzia oggi una giornata di forza per l’euro, di debolezza per il dollaro canadese e (parzialmente) per le materie prime.
Per domani ricordiamo dal Regno Unito il Minute della Bank of England; i dati statunitensi sulle vendite al dettaglio e sull’inflazione ma, soprattutto, il Minute della Federal Reserve per conoscere i verbali dell’ultima riunione tassi di fine ottobre
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.