Eur-Usd, situazione ancora da chiarire.

Scritto il 7 Agosto, 2013 - 20:49 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1425 letture

Eur-Usd, il trend di breve è rialzista ma siamo prossimi ad una area di resistenza da monitorare per entrate in uno short di medio termine.

Eur-Usd: la situazione per il cambio più importante del panorama valutario rimane ancora piuttosto incerta. Nel medio periodo abbiamo un movimento di volatilità chiuso tra i livelli 1,34 e 1,27 mentre nel breve periodo la tendenza appare più rialzista e sopra la media mobile, seppur all’interno di una fase di consolidamento bisettimanale. Ragionando nel brevissimo periodo un segnale di trading Long sul livello di supporto 1,3250 si potrebbe valutare per un acquisto di Eur-Usd con primo target 1,34. In un ottica di più ampio periodo, e considerando anche la sua importanza nel grafico settimanale, quest’ultima area di prezzo (1,34) potrebbe essere ben monitorata per ricercare spunti in vendita con target anche piuttosto ambiziosi. Attendiamo comunque, come sempre, un chiaro segnale di trading short dato che, anche nel time frame weekly, siamo sopra media e quindi si tratterebbe di un contro trend.

eurusd07


Finestra macroeconomica

Anche oggi abbiamo ricevuto alcuni dati macroeconomici importanti dall’Oceania, quelli sul mercato del lavoro neozelandese (contrastanti con un leggero aumento sia della variazione dell’occupazione che della disoccupazione), oltre che il dato sulla produzione industriale tedesca (in forte aumento rispetto alle previsioni) e quello sull’inflazione britannica (2,6%). Dall’Inghilterra è giunta anche una importantissima dichiarazione da parte della Bank of England in merito al fatto di non procedere a rialzi dei tassi fino a quando la disoccupazione rimarrà al di sopra del 7%; comunicazione diretta e precisa, come quella realizzata pochi giorni fa dalla Fed, che ha fatto volare la sterlina.
I principali indici azionari hanno avuto un’altra seduta di debolezza con alcune eccezioni come Milano e Madrid.
Domani avremo dal Giappone la decisione tassi di interesse e lo statement di politica monetaria (nessuna modifica è attesa), dall’ Australia i dati sul mercato del lavoro e dall’Europa il consueto report mensile della Banca Centrale.
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.