Eur-Usd, short o trading range?

Scritto il 10 Luglio, 2013 - 21:21 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1497 letture

Eur-Usd, il cambio principe si è riportato in zona 1,28 e la tenuta del livello potrà dirci se attenderci una nuova lateralità o un più forte ribasso!

Eur-Usd: il cambio più importante e negoziato si trova all’interno di un movimento “quasi” laterale di medio periodo compreso tra le aree 1,2750 e 1,33. La tendenza di breve è sicuramente ribassista con un palese deprezzamento dell’euro caratterizzato anche da brevi candele di correzione che hanno accentuato la discesa. Una rottura ribassista dell’area di supporto potrebbe spingere l’Eur-Usd verso i nuovi minimi a 1,2655 e successivamente sull’area statica e dinamica 1,25 (con la trendline rialzista di medio/lungo termine in arrivo). Al contrario una tenuta dell’area 1,28, con forte segnale operativo Long, si potrebbe considerare per un ingresso in acquisto in linea con la lateralità di medio periodo dell’ Eur-Usd.
eurusd10

Finestra macroeconomica

Il calendario economico oggi ci ha presentato dalla Germania il tasso di inflazione, che ha confermato le attese all’1,9%, ed il Minute della Federal Reserve dal quale è emerso come nell’ultimo meeting di decisione tassi circa la metà dei membri del board erano favorevoli ad una interruzione del Quantitative Easing entro quest’anno, mentre la rimanente parte preferirebbe una sospensione solo dal 2014. La giornata termina con un discorso di Ben Bernanke a Boston sulla politica monetaria.
I principali indici azionari hanno registrato una seduta contrastata con valori prossimi alle chiusure di ieri.
Domani l’attenzione si focalizza sul Giappone con la decisione tassi di interesse e lo statement di politica monetaria comunicato da Kuroda nella sua conferenza stampa. Avremo oltretutto il report mensile della Banca Centrale Europea, la variazione dell’occupazione ed il tasso di disoccupazione in Australia, le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti.

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.